Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

21 Marzo 2008 | Attualità

456 milioni di euro per l’industria dello spettacolo

I 511,4 milioni di euro destinati al fondo unico per lo spettacolo sono diventati 456 diminuendo del 11% a causa della legge che prevede una ritenuta per la spesa corrente di tutti i ministeri. La quota stanziata dalla Finanziaria 2008 è stata ripartita tra i vari settori di attività: alle fondazioni lirico sinfoniche è andato il 46,69%, al cinema il 19,50%. Il sottosegretario Agis, Elena Montecchi, sta avviando le procedure necessarie a sbloccare parte dell’accantonamento che corrisponde a un importo di 15 milioni. Alle attività teatrali di prosa va il 16,27%, alle attività musicali il 13,74%, alla danza il 2,10%, ai circhi spettacolo e viaggianti l’ 1,48% e all’osservatorio dello spettacolo lo 0,22%. L’Associazione generale dello spettacolo ha dichiarato che “la mancata disponibilità totale del Fus incide in maniera fortemente negativa sull’economia e sulla programmazione delle imprese di spettacolo”.

Guarda anche:

A Roma la ventesima edizione di “Più libri più liberi”

La piccola e media editoria italiana si incontra per cinque giorni di dibattiti e presentazioni. Dal focus internazionalizzazione un dato rassicurante: crescono i titoli italiani ceduti in Europa...

Le sfide di Milano

Una visione di Milano 2030 è evocata nel volume “8tto Racconti di Milano - Verso un nuovo progetto di città”. Edito da Assimpredil Ance di Milano, Lodi, Monza e Brianza, per approfondire, sotto...

Donne e over 65 i bevitori italiani di vino nell’analisi post pandemia

Uno studio dell’agenzia Wine Intelligence traccia il profilo post pandemia del consumatore italiano del vino.  La pandemia ha modificato il profilo del consumatore italiano di vino che è sempre più...