Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

29 Maggio 2014 | Economia

A Google lavorano per lo più uomini bianchi

I due terzi dei dipendenti di Google sono uomini e più del 60% sono bianchi. A scattare per la prima volta la fotografia della composizione razziale d i Mountain View è Google stessa. ”Non siamo dove vorremmo essere in termini di diversità” , riporta i l Wall Street Journal citando il vice presidente di Google, Laszlo Bock, sottolineando che la società incontra difficoltà ad assumere donne e minoranze perchè solo una piccola parte di questi a una laurea in materie scientifiche.  I dati mostrati da Google, che arrivano fino a gennaio, indicano che il 70% dei dipendenti è uomo e il 30% sono donne. Il 61% del totale è bianco, contro un 30% di discendenza asiatica, un 3% ispanico e un 2% nero.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.