Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

15 Novembre 2022 | Attualità

A Lecce il Festival del Cinema Europeo

In corso fino al 19 novembre la kermesse con il concorso Ulivo d’Oro per il premio Cristina Soldano. Quest’anno anche una monografia sul cinema ucraino.

L’appuntamento con l’Europa del cinema è fino al 19 novembre presso il Multisala Massimo di Lecce. Il programma del Festival del Cinema Europeo prevede una serie di sezioni volte a delineare e omaggiare figure particolari della cinematografia del Vecchio Continente, compresa quella italiana naturalmente, e una competizione ufficiale di lungometraggi: il Concorso Ulivo d’Oro – Premio Cristina Soldano, intitolato alla storica direttrice della manifestazione salentina per 16 delle 23 edizioni, scomparsa nel 2017.

Protagonisti italiani

Il Festival rende omaggio fra le altre a una delle icone del cinema italiano di oggi: Sergio Rubini, presente a Lecce. Il tributo comprende una retrospettiva dei  film  più  rappresentativi  della  sua  carriera e la consegna dell’Ulivo d’Oro alla Carriera. Nelle precedenti edizioni, la mnifestazione ha realizzato il prIn corso fino al 19 novembre la kermesse con il concorso Ulivo d’Oro per il premio Cristina Soldano. Quest’anno anche una monografia sul cinema ucraino.imo omaggio in assoluto a Ugo Tognazzi, di cui quest’anno si torna a parlare per la presentazione della versione in 4k de La voglia matta di Luciano Salce (1962), con restauro a opera di CSC – Cineteca Nazionale. Nell’occasione viene presentata la riedizione de Il rigettario. Fatti, misfatti e menù disegnati al pennarello di Ugo Tognazzi. Si tratta di un grande classico della cucina, firmato da Tognazzi stesso, con 18 menù da lui ideati per la famiglia e per i suoi ospiti.

Figure europee

La sezione  dedicata  alle  figure  centrali  del  cinema europeo quest’anno  rende  omaggio  alla  regista  e sceneggiatrice Claire Denis, tra le cineaste francesi più amate da pubblico e critica. Il  tributo comprende la consegna dell’Ulivo d’Oro alla Carriera e una retrospettiva dei film più rappresentativi  della sua carriera, compreso il nuovo Incroci sentimentali (2021), presentato in anteprima. Nelle  precedenti  edizioni sono intervenuti fra gli altri: Carlos Saura, Otar Iosseliani, Theo Angelopoulos, Costa-Gavras, Emir  Kusturica, Aki Kaurismaki, Marco Bellocchio, Danis Tanovic, Fatih Akin e Stephen  Frears.

Il cinema dellUcraina

La situazione europea si riflette nella scelta di dedicare una parte della rassegna ai film e ai cineasti dell’Ucraina contemporanea, in collaborazione con il Molodist Kyiv International Film Festival. I cinque film presentati a Lecce sono: il thriller psicologico Between Us di Solomiya Tomaschuk (2021); Luxembourg di Antonio Lukich (2022); Pokut di Andrii Kokura (2022); Rhino di Oleh Sentsov (2021); Sniper: The White Raven di Marian  Bushan (2021). L’unico con un richiamo alla guerra in corso è proprio quest’ultimo, perché parla di vicende che ruotano attorno all’invasione in Donbass nel 2013.

di Daniela Faggion

Festival del cinema europeo - logo blu

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...
Scarpa Rossa su libro ad Albisola Superiore

Tante iniziative in Italia contro la violenza sulle donne

Molti gli appuntamenti in occasione del 25 novembre, dalle scarpette rosse sparse per le città al numero per chiedere aiuto sulle confezioni del latte.   Per dar conto delle molte iniziative in...
turisti-Italia

Uno studio condotto da Istituto Piepoli ci dice che l’Italia resta tra le mete preferite per le vacanze dei turisti stranieri in Europa

L’indagine è stata realizzata per Confturismo-Confcommercio su un campione rappresentativo di viaggiatori americani, brasiliani, tedeschi, francesi e britannici, che prima della pandemia...