Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

1 Gennaio 2023 | Attualità

A Milano aprirà il primo Museo dei Quaderni di Scuola

L’inaugurazione sarà nella primavera del 2023. L’Archivio, gestito dall’associazione Quaderni Aperti, raccoglie migliaia di materiali scolastici italiani e provenienti da altri 35 paesi del mondo.

Il libro che sostiene l’apertura del Museo

“Il prossimo anno faremo le vacanze di Natale sulla luna”. È curioso, e accattivante il titolo della raccolta di temi scolastici ispirati alle festività natalizie del passato, scritti dai bambini e dalle bambine di un tempo. Errori ortografici e scarabocchi inclusi!

Il libro raccoglie anche alcuni dettati e lettere, tratti dalla collezione dell’Archivio dei Quaderni di Scuola che conserva migliaia di quaderni scolastici datati dalla fine del ‘700 ai primi anni 2000.

I proventi saranno destinati all’associazione Quaderni Aperti, che gestisce l’Archivio, e contribuiranno a finanziare la creazione del Museo dei Quaderni di Scuola / Museum of Children’s Notebooks, il primo museo al mondo dedicato alle testimonianze dei bambini e delle bambine del passato, che inaugurerà in via Broletto Milano nella primavera del 2023.

L’Archivio ieri e oggi

L’autore del volume è Thomas Pololi che è anche il fondatore e curatore dell’Archivio dei Quaderni di scuola. Un progetto nato nel 2004 quando viene avviato un percorso di raccolta partecipativa di quaderni di scuola, diari e lettere, con testimonianze d’infanzia e adolescenza. 

Oggi vi sono custoditi 1.500 quaderni storici italiani e circa mille provenienti da altri 35 paesi. Il materiale è conservato in forma sia fisica, sia digitale (in caso di prestiti) con oltre 40 mila pagine digitalizzate.

Gli obiettivi dell’iniziativa e le attività

L’obiettivo? Valorizzare il materiale conservato organizzando iniziative culturali e sociali e mettendo a disposizione di studenti, insegnanti e ricercatori la raccolta. L’Archivio collabora con gli istituti scolastici di tutta Italia per realizzare laboratori a tema storico o su specifiche tematiche, come i conflitti, la propaganda, l’identità di genere nell’educazione.

Di grande impatto emotivo, gli incontri in cui vengono coinvolti direttamente gli “ex bambini” che hanno donato o prestato il loro materiale scolastico all’Archivio. In queste occasioni nascono dialoghi tra persone di diverse generazioni che si incontrano sul terreno comune dell’infanzia.

Nel 2019 l’Archivio è stato riconosciuto dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica della Lombardia come “archivio di interesse storico particolarmente importante”. Inoltre, è parte della Società italiana per lo studio del patrimonio storico-educativo (Sipse).

Le donazioni

Naturalmente, chiunque abbia conservato quaderni di scuola, diari o lettere d’infanzia o adolescenza può decidere di contattare l’Archivio per un prestito o una donazione di materiale.

Per informazioni: http://www.archivioquaderni.it

 

Di Valentina Colombo.

Guarda anche:

Creazione in MuSkin

MuSkin, come un fungo parassita diventa un abito sostenibile

Un progetto di tesi degli allievi di Modartech Pontedera riporta all’attenzione un brevetto eco di qualche tempo fa, oggi ancora più utile in ottica di una maggiore sostenibilità. Se è vero che le...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...
perfetti sconosciuti

“Perfetti Sconosciuti”, un altro remake per il film italiano da Guinness

Mentre è impegnato con il lancio del nuovo film "Il primo giorno della mia vita", il regista Paolo Genovese festeggia un altro adattamento internazionale per la sua pellicola del 2016. A metterli in...