Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Giugno 2014 | Economia

Amazon paga online e tiene il tempo di PayPal

Il tenzone a PayPal è lanciato: Amazon ha svelato il suo nuovo servizio per i pagamenti via internet , che permetterà agli utenti registrati di usare i dati delle carte di credito salvati sul suo portale senza passare da altre piattaforme.  La compagnia di Seattle si propone come unico referente per le commissioni online per i sui 240 milioni di utenti nel mondo , andando a invadere il campo sin qui dominato dal rivale PayPal, sistema molto diffuso (e utilizzato da milioni di siti) per gestire i pagamenti via web. Inizialmente, la nuova funzionalità sarà disponibile solo per l’acquisto di abbonamenti (a quotidiani e servizi, ad esempio), ma presto verrà estesa a tutti i tipi di acquisti e includerà come partner centinaia di aziende. L’orizzonte di business di Amazon così si amplia notevolmente , considerato il fatto che il 40% del volume di vendite che passa dal portale di e-commerce è dovuto a venditori terzi. Se a questo si aggiunge il previsto lancio dello smartphone interno (il 18 giugno), Jeff Bezos & Co. si apprestano a piazzare altri due importanti tasselli della loro rete di commercio digitale, sempre più estesa e capillare.  Il futuro prefigura uno sviluppo dei pagamenti mobili , che permetteranno – tramite la app Amazon – di acquistare direttamente dai negozi online dei marchi affiliati, senza aprire altri account e usufruendo delle condizioni e delle offerte garantite dal portale. Qualcuno a detto per caso dittatura? E’ questione di capitalismo hi-tech, del resto.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...