Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Giugno 2014 | Economia

Amazon paga online e tiene il tempo di PayPal

Il tenzone a PayPal è lanciato: Amazon ha svelato il suo nuovo servizio per i pagamenti via internet , che permetterà agli utenti registrati di usare i dati delle carte di credito salvati sul suo portale senza passare da altre piattaforme.  La compagnia di Seattle si propone come unico referente per le commissioni online per i sui 240 milioni di utenti nel mondo , andando a invadere il campo sin qui dominato dal rivale PayPal, sistema molto diffuso (e utilizzato da milioni di siti) per gestire i pagamenti via web. Inizialmente, la nuova funzionalità sarà disponibile solo per l’acquisto di abbonamenti (a quotidiani e servizi, ad esempio), ma presto verrà estesa a tutti i tipi di acquisti e includerà come partner centinaia di aziende. L’orizzonte di business di Amazon così si amplia notevolmente , considerato il fatto che il 40% del volume di vendite che passa dal portale di e-commerce è dovuto a venditori terzi. Se a questo si aggiunge il previsto lancio dello smartphone interno (il 18 giugno), Jeff Bezos & Co. si apprestano a piazzare altri due importanti tasselli della loro rete di commercio digitale, sempre più estesa e capillare.  Il futuro prefigura uno sviluppo dei pagamenti mobili , che permetteranno – tramite la app Amazon – di acquistare direttamente dai negozi online dei marchi affiliati, senza aprire altri account e usufruendo delle condizioni e delle offerte garantite dal portale. Qualcuno a detto per caso dittatura? E’ questione di capitalismo hi-tech, del resto.

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...