Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

12 Giugno 2014 | Economia

Amazon suona in streaming con Prime Music

Ora è ufficiale: Amazon ha il proprio servizio di musica in streaming, Prime Music. Sul portale americano della compagnia, Amazon.com , c’è un link che invita gli utenti premium, ovvero quelli abbonati al servizio di spedizioni rapide, a registrarsi per poter usufruire della discoteca offerta dal sito di e-commerce. La piattaforma esordisce a pochi giorni dal lancio del primo smartphone Amazon , previsto per il 18 giugno, offrendo un incentivo notevole ai possibili acquirenti del cellulare e a suoi clienti storici che magari sin qui non avevano valutato l’iscrizione a Prime. In arrivo ci sarebbe anche un’applicazione mobile per tutti i dispositivi della società di Seattle, compatibile anche con Android, iOs, pc e Mac. Gli utenti Prime negli Usa, il cui abbonamento è stato alzato di recente da 79 a 99 dollari , potranno ascoltare liberamente tutti i brani del catalogo (ovvero milioni di canzoni), mentre per chi non è iscritto, c’è una prova gratuita di 30 giorni al termine della quale potrà decidere il da farsi. Spotify, Beats Music e Deezer hanno da oggi un rivale in più.

Guarda anche:

Climatariani e nuove tendenze sulla tavola degli italiani

La pandemia ha colorato di “verde” la tavola degli italiani, tanto che 1 italiano su 6 dichiara di adeguare il proprio regime alimentare per ridurre l'impatto ambientale.   E’ quanto emerge dal...

Export agroalimentare italiano verso il record storico

L'alimentare italiano registrerà il primato storico nelle esportazioni raggiungendo quota 52 miliardi, mai registrato prima nella storia dell'Italia, se la tendenza di aumento del 13% sarà...

Ue, primo sì al Prosek. Italia unita nella protesta

La Commissione Europea dà il via libera la domanda della Croazia per il riconoscimento di indicazione geografica protetta del vino croato. Forti contestazioni da più parti in difesa del Prosecco...