Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

4 Luglio 2008 | Attualità

Anche i giornalisti de La 7 in sciopero

I giornalisti de La7 oggi “aderiscono allo sciopero nazionale del gruppo Telecom, per chiedere all’azienda chiarezza di prospettive e il rispetto delle regole a cominciare rispetto del contratto nazionale di lavoro e dal corretto accantonamento del trattamento di fine rapporto”. Lo annuncia il comitato di redazione della testata. Si tratta di un segnale di protesta contro la “chiusura delle sedi di corrispondenza di Londra, Gerusalemme e Parigi, il blocco del turn-over, la riduzione dei contratti a termine. Il tutto senza che sia ancora stato presentato un piano industriale. L’azienda – sottolinea una nota del cdr – taglia l’informazione del terzo polo tv per ripianare i debiti accumulati grazie al dissennato ricorso a produzioni e appalti esterni e ai premi milionari di manager gratificati per aver dissestato i bilanci”. I giornalisti de La7, “tv del gruppo Telecom concessionaria di pubbliche frequenze, denunciano il tentativo di indebolire l’unica voce dell’informazione tv indipendente dal duopolio Rai-Mediaset, un attacco al pluralismo dell’informazione televisiva, elemento indispensabile per la democrazia del Paese”.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.