Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Luglio 2023 | Attualità, Innovazione

Anche l’Italia cattura il più potente lampo gamma mai rilevato

Uno studio cinese racconta questa rilevazione avvenuta per la prima volta nel Capodanno del 2022. Tanti i contributi italiani, compreso l’autore, Stefano Covino dell’Inaf di Milano che ha dato ulteriori dettagli a Telepress.news.

Qualcuno fra i lettori più grandicelli ricorderà i raggi gamma di Jeeg Robot d’acciaio: fasci di luce emessi dagli occhi che non lasciavano scampo ai nemici nei corpo a corpo. Ebbene, la dotazione del robottone giapponese era nulla rispetto al più potente lampo di raggi gamma mai percepito da un telescopio ottico: quello osservato per la prima volta a Capodanno del 2022, grazie a un gruppo di ricerca internazionale guidato dalla Cina con il gruppo del Purple Mountain Observatory e condotto grazie ai dati del satellite Swift di Agenzia Spaziale Italiana e Nasa. 

GRB220101A – così viene indicato dagli scienziati – “non appartiene a una nuova categoria di lampi di raggi gamma, ma plausibilmente è un caso estremo fra quelli già noti”: così Stefano Covino, dell’Osservatorio astronomico di Brera, unico italiano tra gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy. Oltre a Swift, hanno osservato il fenomeno altri telescopi spaziali, come Fermi e Agile. E non appena i telescopi spaziali hanno segnalato il lampo di raggi gamma anche ai telescopi di Terra, questi ultimi hanno puntato la stessa zona del cielo: così, il telescopio cinese di Xinglong, con uno specchio di 2,2 metri, ha ottenuto la misura di distanza e determinato che l’evento è avvenuto quando l’universo aveva poco più di un miliardo d’anni.

Quindi quanto tempo fa e a che distanza è avvenuto? Risponde a Telepress.news lo stesso Covino: “In astrofisica, quando si parla di distanze molto più grandi della dimensione della nostra galassia, si indica lo spostamento verso il rosso, o redshift. In questo caso abbiamo il valore di circa 4,6. Anche se certamente criptico per il grande pubblico, è un valore rilevante. Siccome in astrofisica quando si osservano oggetti lontani nello spazio li si osserva come erano quando la loro luce è stata emessa, in pratica li si osserva “nel passato”. Quando GRB220101A è stato generato l’Universo aveva, appunto, un’età di poco più di un miliardo di anni, mentre l’età attuale è di quasi 14 miliardi di anni. A quell’epoca la nostra Terra, il Sole e tutto il sistema solare non si era ancora formato”.

Come hanno fatto gli studiosi a comprendere la grandezza del fenomeno? Spiega Covino: “Quando un telescopio ottico riceve la radiazione luminosa la converte in un’immagine sul suo rivelatore. E l’immagine che si crea per un oggetto puntiforme, come le stelle ma anche un lampo di raggi gamma estremamente lontano assomiglia al cappello a punta dei maghi“. Come quello di Gandalf ne “Il Signore degli Anelli”, per intenderci. “Con la fotometria – spiega il ricercatore – si misura l’estensione e l’altezza di questo “cappello” ma con GRB220101A ciò non è stato possibile in maniera semplice perché, prosegue Covino “la parte centrale dell’immagine era come tagliata e non consentiva di acquisire le informazioni necessarie”. Gli studiosi però non si sono arresi e, con i parametri a disposizione e le proporzioni che di solito caratterizzano queste immagini, sono riusciti a ricostruire la forma del cappello ex post. Oltre un anno di lavoro per un risultato da record.

di Daniela Faggion

raggi gamma dal sito www.ctdsb.net/

Guarda anche:

vegetali - Nika_Akin

L’Erbario centrale italiano di Firenze diventa digitale

Oltre due milioni di campioni vegetali, cui si aggiungono i 2 milioni provenienti da altre collezioni. Diventeranno file entro l'agosto 2025, grazie a 7 milioni di finanziamento. Trasformare...

È in Italia la città in cui si mangia meglio al mondo

Ad affermarlo è una ricerca fatta dalla rivista Time Out che ha eletto Napoli, con la sua pizza Margherita, vincitrice fra 20 città del mondo. Al secondo posto Johannesburg e al terzo Lima. Per...
medici di base - congresso

In Italia mancano i medici di base

A lanciare l'allarme un congresso in Lombardia della Società Italiana dei Medici di Medicina Generale e delle Cure Primarie. Meglio non stare male in Italia, nemmeno in una regione ricca come la...