Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

7 Novembre 2022 | Attualità

Anche lo stress ha una giornata mondiale

Un problema che affligge 9 italiani su 10 ma che, forse, in pochi riconoscono e ammettono. Il 7 novembre è la Giornata internazionale per la consapevolezza dello stress, nell’ambito di un’intera settimana dedicata a questo disagio.

Un popolo di santi, navigatori, amanti del calcio… e stressati. Nove italiani su 10 sarebbero colpiti da stress: in diverse forme e in varie misure, certo, ma comunque si parla di numeri importanti, perché il problema riguarda sia adulti che bambini e non sempre si riesce a riconoscerlo in tempo e ad affrontarlo correttamente. I dati sono diffusi in occasione dell’International Stress Awareness Week (7-11 novembre) da Parentsmile, la prima piattaforma europea per il supporto e il benessere a domicilio di tutta la famiglia, e sembrano mettere in discussione lo stereotipo dell’Italiano sempre gioviale e spensierato.

Stress - Giornata mondiale e settimana della consapevolezza - 7-11 novembre 2022

Stress – Giornata mondiale e settimana della consapevolezza – 7-11 novembre 2022

Non tutto lo stress viene per nuocere

Bisogna innanzitutto distinguere tra disturbo acuto da stress e disturbo dell’adattamento, come precisa la dottoressa Giada Alberti, psicologa della piattaforma per l’Italia. Ognuno di noi, infatti, di fronte a un cambiamento di qualsiasi natura, attiva reazioni fisiologiche, emotive, cognitive e comportamentali, per poi ristabilire il proprio equilibrio nella maggior parte dei casi. Normalmente, spiega Alberti, “l’individuo riesce ad adattarsi all’ambiente e non sono presenti sintomi invalidanti; nel caso del disturbo acuto da stress, invece, l’individuo si affatica maggiormente e mette a dura prova la capacità di essere resiliente”. Si parla di disagio o di vera e propria patologia quando, trascorso un mese, il cambiamento non entra a far parte della normalità.

Più bisticci, più pasticci (con il cibo)

Uno dei contesti in cui lo stress si manifesta maggiormente è l’alimentazione. E così, nel Paese della Dieta Mediterranea, finisce che gran parte della popolazione mangia male per compensare arrabbiature, bisticci sul lavoro e questioni irrisolte. Secondo la più recente ricerca in merito svolta dall’Osservatorio Reale Mutua in collaborazione con Slow Food, 8 Italiani su 10 fanno scelte alimentari scorrette, con conseguenti malesseri quali gonfiore, bruciore di stomaco, nausea e pesantezza. Quando i nervi sono tesi anche il sonno ne risente, con conseguente insonnia, somatizzazioni e disturbi relazionali, comportamentali ed emotivi come irritabilità, aggressività, senso di distacco e distanza con le persone care.

Lo stress causa disturbi emotivi e comportamentali

Lo stress causa disturbi emotivi e comportamentali

Anche i ragazzi ne soffrono

I fattori di stress sono di varia natura, ma nei paesi più sviluppati dal punto di vista tecnologico ed economico tendenzialmente sono: denaro, lavoro e responsabilità familiari. Non si salvano nemmeno i più giovani, complici le rivoluzioni subite dalle dinamiche tradizionali della scuola e della socializzazione a causa della pandemia. Anche per questo gli esperti consigliano alle famiglie di mantenere il più possibile una routine giornaliera stabile e rassicurante, favorendo attività piacevoli e rilassanti come colorare, leggere e riposare. Lontani il più possibile dagli schermi, naturalmente.

di Daniela Faggion

Lo stress causa disturbi emotivi e comportamentali

Guarda anche:

rome-JerOme82-moon

A Roma quattro strade messe in fila dalla Luna

Sarebbero state allineate per collegare le basiliche e il punto in cui il satellite tramonta la Luna sulla Città eterna L'assetto urbanistico voluto per Roma da papa Sisto V avrebbe avuto...

Furto in diretta su Instagram. Ma era una fake news

Il recente caso Rovazzi mostra come sia facile in Italia la diffusione di notizie false che diventano virali sui media. “Lato stampa è un po’ sfuggita di mano la cosa”. È lo stesso Fabio Rovazzi a...
fegato - ph. Hopestar21

L’intelligenza artificiale scopre in anticipo il grasso nel fegato

La potenzialità è al centro di un progetto che ha vinto lo Start Pitch a Pisa Per diagnosticare presto e facilmente il fegato grasso bastano una semplice ecografia e l'intelligenza artificiale. Lo...