Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

29 Maggio 2014 | Economia

Apple canta e suona con Beats e Dr. Dre

Mancava l’ufficialità, che è arrivata nella tarda serata di ieri: Apple ha comprato Beats Electronics per 3 miliardi di dollari, di cui 2,6 miliardi in contanti e 400 milioni in azioni . L’acquisizione, di cui si vociferava da qualche settimana, è stata confermata  dai vertici di Cupertino e consente alla Mela di mettere le mani sulla musica in streaming di Beats, oltre che sulle cuffie hi-tech più popolari al mondo. Beats Electronics ha lanciato il proprio sito di canzoni online (in abbonamento) a inizio 2014 negli Stati Uniti e ora potrà contare sulle infrastrutture e le competenze di Apple per espanderlo: il marchio, che continuerà a esistere anche dopo la fusione con il colosso californiano, punta a interagire con iTunes Radio. Le cuffie BE saranno in vendita nei negozi ufficiali della Mela e l’intesa prevede l’ingresso nel management Apple del rapper Dr. Dre e di Jimmy Jovine, fondatori di Beats, che si occuperanno dello sviluppo dei sofwtare e dei servizi veicolati al pubblico. “Siamo convinti che questi due ragazzi abbiano un talento molto raro. Amiamo il servizio su abbonamento che hanno costruito, siamo convinti che sia il primo veramente funzionante” , ha detto Tim Cook, amministratore delegato di Apple, annunciando la conclusione dell’affare. E’ la prima volta che la compagnia lanciata da Steve Jobs acquisisce un prodotto fatto e finito , già affermato sul mercato e con un’identità propria. L’intenzione è quella di mirare a un pubblico giovane, dinamico, assaltando il settore della musica in streaming per dare filo da torcere a Spotify e Deezer, rinnovando il successo che nel decennio passato fu del binomio iTunes-iPod. Il mercato tende sempre più verso i siti che, gratuitamente e in abbonamento, offrono canzoni pronte all’uso , senza per forza dover effettuare un download o un vero e proprio acquisto. Negli usa, la vendita di mp3 nell’ultimo anno è calata del 6%, mentre il 52% dei possessori di smartphone ha utilizzato una app per lo streaming, con Spotify che (nel mondo) ha raggiunto i 10 milioni di iscritti paganti.  L’offerta musicale di Apple migliorerà esponenzialmente, mentre Beats potrà contare su un’utenza tutta nuova e quanto mai fedele, oltre al potenziale di sviluppo garantito dagli ingegneri di Cupertino. Già si parla di un’applicazione specifica per iOs, così che gli iPhone diventino la grancassa della musica venduta da Dr. Dre & Co. Più che un’acquisizione, dunque, si tratta di un assalto frontale al mercato dello streaming online.

Guarda anche:

Ue, primo sì al Prosek. Italia unita nella protesta

La Commissione Europea dà il via libera la domanda della Croazia per il riconoscimento di indicazione geografica protetta del vino croato. Forti contestazioni da più parti in difesa del Prosecco...
spaghetti

Il Made in Italy vola in tavola all’estero, ma il miele soffre

L’Italia raggiunge l’autosufficienza alimentare con un export a +12% che supera le importazioni, secondo dati Coldiretti presentati a Cibus 2021. Meno bene la produzione di miele in calo del 25%.  ...
Cibus_2021

Cibus: tutte le novità del settore agroalimentare Made in Italy

A Parma dal 31 agosto al 3 settembre va in scena Cibus, il Salone dell’Alimentazione: una manifestazione che consente di scoprire i nuovi cibi italiani. La XX° edizione di Cibus, organizzata da...