Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

9 Maggio 2014 | Economia

Apple si mette le cuffie di Dr. Dre

L’accordo è praticamente fatto: Apple acquisterà Beats Electronics , società attiva nel ramo della musica online e produttrice di dispositivi elettronici, fondata dal rapper Dr. Dre, per 3,2 miliardi di dollari . Si tratta della più costosa operazione condotta nella storia della compagnia di Cupertino.  Gli inventori di iPhone e iPad sono interessati soprattutto al servizio Beats Music , che consente l’ascolto di canzoni in streaming e conta già, a breve distanza dal lancio, una buona base di utenti. Il simbolo di Beats Electronics sono però le cuffie ad alta definizione promosse in pompa magna dal fondatore e diventate un oggetto di culto non solo per i fan dell’hi-fi, ma anche per qualsiasi modaiolo che si rispetti. Le Beats By Dr. Dre fruttano un giro d’affari che sfiora il miliardo di dolari e controllano circa il 70% del mercarto delle cuffie d’alta gamma . La sfida, per Apple, consisterà nel rendere ancor più globale un marchio già famoso, incrementando l’interazione tra il dispositivo mobile e i servizio di musica via internet, così da competere con Spotify e Deezer.  La Mela, dando vita a una sinergia tra iTunes Radio e Beats Music, potrebbe tentare l’assalto a uno dei settori più in fermento nell’ambito web , quello musicale appunto. Apple è stat una delle ispirazioni di Dr. Dre per il suo gingillo d’oro (“Steve Jobs è stato il primo a coniugare tecnologia e cultura pop. Il suo lavoro mi ha fatto pensare: Wow! La tecnologia è il nuovo artista”, ha dichiarato) e ora potrebbe portare Beats a un livello di diffusione mai visto, curandone lo sviluppo tecnologico e l’integrazione in un intero sistema online dedicato alla musica ad alta qualità sonora.  Quanto all’aspetto promozionale, sarà difficile far meglio di quanto il rapper e i suoi collaboratori hanno fatto in passato . Nella fase di lancio delle cuffie, la società – che già aveva assoldato come tester e promoter una stuolo di popstar, da Gwen Stefani a Pharrell Williams – decise di inviarne un paio alla stella del basket LeBron James. Era l’estate del 2008: poche settimane dopo, James ne ordinò altre quindici paia e, quando la nazionale americana sbarcò a Pechino per le Olimpiadi, con giornalisti e telecamere da tutto il mondo a riprendere la scena, ciascun giocatore indossava un paio di Beats By Dr. Dre. Come si suol dire, questo è marketing. Il resto e il futuro sono imprenditoria digitale, a suon di dollari.

Guarda anche:

Ue, primo sì al Prosek. Italia unita nella protesta

La Commissione Europea dà il via libera la domanda della Croazia per il riconoscimento di indicazione geografica protetta del vino croato. Forti contestazioni da più parti in difesa del Prosecco...
spaghetti

Il Made in Italy vola in tavola all’estero, ma il miele soffre

L’Italia raggiunge l’autosufficienza alimentare con un export a +12% che supera le importazioni, secondo dati Coldiretti presentati a Cibus 2021. Meno bene la produzione di miele in calo del 25%.  ...
Cibus_2021

Cibus: tutte le novità del settore agroalimentare Made in Italy

A Parma dal 31 agosto al 3 settembre va in scena Cibus, il Salone dell’Alimentazione: una manifestazione che consente di scoprire i nuovi cibi italiani. La XX° edizione di Cibus, organizzata da...