Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

14 Marzo 2013 | Economia

Apple Store: multa francese per gli straordinari

Il tribunale di Parigi ha vietato a sette Apple Store francesi di far lavorare gli addetti oltre le 21 , comminando al gruppo di Cupertino una multa di 10mila euro. La legge francese impone il divieto di impiego di lavoratori dalle 21 alle 6 del mattino seguente, a meno che la loro presenza non sia essenziale per l’attività economica o la società non fornisca dei servizi sociali impossibili da sospendere. Gli store francesi oggetto della controversia legale effettivamente chiudono i battenti alle 21, ma i lavoratori rimangono nel negozio per le due ore consecutive tra attività di pulizia e preparazione degli inventari per il giorno seguente. Un gruppo di rappresentanti degli impiegati si è quindi rivolto ai sindacati di categoria , dando così il via a una causa legale.  Nessun commento è arrivato da Cupertino, anche perché vi sarà una sentenza d’appello nel corso del prossimo aprile. Al momento l’azienda si è adeguata alle richieste delle corti nei sette negozi incriminati.

Guarda anche:

Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Italia ultima per merito in Europa - ph. Marzena7

Italia ultima in Europa per Merito

Secondo il Forum della Meritocrazia questa situazione incide sul calo dell'economia, che in quasi 30 anni ha perso 26 punti percentuali Non basta mettere la parola "merito" nel nome di un ministero...

Città e luoghi d’arte trainano il turismo in Italia anche nel 1° trimestre 2024

L'Osservatorio Turismo Confcommercio-Swg prevede per il primo trimestre 2024 oltre venti milioni di partenze tra gennaio e marzo. Preferiti i soggiorni brevi e le città d’arte. Dopo la ripresa...