Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

3 Ottobre 2008 | Attualità

Arma nega l’aspettativa alla Granbassi, ha dieci giorni per scegliere

L’Arma dei carabinieri che ha respinto definitivamente la richiesta di aspettativa della fiorettista Margherita Granbassi. La notizia è arrivata ieri sera pochi minuti prima dell’inizio della seconda puntata di Annozero, il talk show condotto da Michele Santoro, in cui la Granbassi veste il ruolo che lo scorso anno fu di Beatrice Borromeo. Il Comando generale dell’Arma ha esaminato la domanda della fiorettista a tempo di record e ha comunicato immediatamente la decisione alla campionessa. Ora la scelta spetta alla Granbassi: se continuerà ad andare in televisione, scatterà il congedo d’ufficio. La procedura lascia alla fiorettista dieci giorni di tempo per decidere e fornire le proprie argomentazioni. Il rifiuto dell’aspettativa è dovuto al divieto per i membri dell’Arma di esercitare professioni, mestieri o assumere incarichi incompatibili con l’adempimento dei propri doveri. La Granbassi ha dichiarato: ” Peccato, pensavo che quella dell’aspettativa potesse essere una soluzione equilibrata per tutti. Evidentemente, l’Arma non la pensa allo stesso modo. Mi dispiace molto “. La puntata di Annozero si è aperta con la lettera scritta da Francesco Cossiga a Michele Santoro, in cui politico ha chiesto scusa all’atleta, auspicando una positiva risoluzione della vicenda. Il conduttore ha gradito il nobile gesto di fare ammenda per le precedenti dichiarazioni, così raro tra i politici italiani. Cossiga ha avuto il coraggio di infrangere la cortina di ipocrisia intorno alla Granbassi, ricordando che in fondo Margherita è un carabiniere ad honorem, è nell’Arma solo per i suoi grandi meriti sportivi , non perché vada a montare la guardia o partecipi a operazioni di ordine pubblico. La lettera di Cossiga è pubblicata integralmente sul sito della trasmissione. Sull’onda delle polemiche per la partecipazione della Granbassi, la puntata dedicata ai fatti di Castelvolturno, ha registrato ascolti ottimi, con uno share vicino al 20%. Riguardo alla mancata concessione dell’aspettativa alla fiorettista si sono espressi anche i due campioni olimpionici:  i l pugile e assistente della Polizia di Stato Clemente Russo e lo spadista in forze alla Sala d’Armi Aereonautica e Commendatore per Ordine al Merito della Repubblica Italiana Matteo Tagliarol . Entrambi parteciperanno alla terza edizione de La Talpa , da giovedì in onda su Italia 1. Russo ha ringraziato ” l Capo della polizia Manganelli, il prefetto Cirillo ed il capo settore Fiamme Oro perché, in 15 giorni, mi hanno dato il permesso speciale: la divisa è il mio lavoro, mi dà possibilità di fare sport in tranquillità economica. Mi dispiace per la Granbassi , ho saputo, ma non ho seguito bene la vicenda “. Matteo Tagliarol si è opposto con fermezza allo stop imposto dall’Arma , sostenendo che l’atleta non sta facendo nulla di grave e ha poi ringraziando l’Areonautica, per avergli concesso la possibilità di partecipare alle reality game condotto da Paolo Perego. La sorte toccata alla Granbassi fu anche di Alberto Tomba e Aldo Montano , costretti ad abbandonare la divisa. Lo schermitore che lasciò l’Arma dei carabinieri per prendere parte al reality show La Fatttoria , ha dichiarato: ” Se la Granbassi vuole provare a buttarsi in qualcosa di diverso, dovrà congedarsi “. 

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.