Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

2 Settembre 2023 | Attualità, Eventi

Arte: la natura irrompe in una chiesa sconsacrata di Roma

L’installazione dell’artista Precious Okoyomon avvolge  le mura dell’edificio di Sant’Andrea de Scaphis a Trastevere con il mistero, la suggestione e la forza propri della natura.

A Roma fino al 15 settembre è possibile visitare la prima personale in Italia dell’artista di origine nigeriano-americana Precious Okoyomon. Il contesto è quello magico e suggestivo di una chiesa sconsacrata risalente al IX secolo, Sant’Andrea de Scaphis a Trastevere. 

La forza della natura al centro

Nella sua mostra “The sun eats her children”, Okoyomon ricrea un ambiente dove la natura è protagonista con la sua durezza, con la sua capacità di resistere, di sorprendere e di essere formidabile. Così tra le mura della ex chiesa il canto degli uccelli, il ronzio degli insetti, il silenzio il rumore del suolo sotto i piedi, diventano un suono unico, denso e misterioso. Uno scenario naturale e bucolico in continuo mutamento, con un sottofondo sinistro e a tratti inquietante.

Ogni specie selezionata e coltivata qui da Okoyomon è accomunata da un’unica proprietà naturale: la capacità di produrre veleno. L’obiettivo è portare alla luce l’antagonismo che queste piante affermano nei confronti di un’idea della natura come passiva e vulnerabile.

Gli abitanti dell’ecosistema di Okoyomon

In questo ecosistema tropicale non passa inosservato Beloved, un orsetto di peluche robotico, sdraiato su un fianco, che svegliandosi dal sonno, a intervalli regolari, emette un urlo di terrore. Il suono è in netto contrasto con la sinfonia composta per l’installazione artistica dall’autrice Kelsey Lu. L’orso è vestito con biancheria intima di pizzo, evocando la sessualità proibita e deviante che pervade le nostre prime esperienze infantili.

Ma il dettaglio più abbagliante della mostra è l’inclusione di una serie di diverse specie di farfalle con morfologia nera che vivranno, si riprodurranno e moriranno all’interno della chiesa nel corso della durata dello spettacolo. È intitolato The Sky Is Always Black, Fort Mose (2022) e fa riferimento a un insediamento del XVIII secolo di neri precedentemente ridotti in schiavitù che fuggirono dal sud americano per vivere nella colonia spagnola Fort Mose, area che oggi è situata in Florida. In quest’opera l’artista immagina il volo costante delle farfalle nere come metafora della vita fuggitiva degli schiavi e degli ex schiavi.

La natura e le nostre storie violente

Nelle sue sofisticate e complesse espressioni artistiche, Okoyomon sottolinea che gli elementi organici hanno un duplice scopo: ci ricordano le nostre storie violente ma celebrano anche la capacità della natura di adattarsi e prosperare di fronte alle crisi provocate dall’uomo. Il loro lavoro ci chiede continuamente di ascoltare il mondo naturale e contiene avvertimenti su ciò che potrebbe accadere se non agiamo. Una questione sempre più urgente, attuale e presente nelle nostre vite. 

Di Valentina Colombo

 

Precious Okoyomon, the sun eats her children, 2023. Courtesy of the artist and Sant’Andrea de Scaphis. Photo Sant’Andrea de Scaphis

Precious Okoyomon, the sun eats her children, 2023. Courtesy of the artist and Sant’Andrea de Scaphis. Photo Sant’Andrea de Scaphis

Guarda anche:

collaborazione fra cinema italiano e francese - mermyhh

Italia – Francia si giocano la partita dell’audiovisivo

Tavola rotonda tra Istituzioni e professionisti del settore per discutere di strategie e nuove opportunità Si è svolto a Roma il secondo incontro in pochi mesi tra CNC (Centre national du cinéma et...
telecamere di sicurezza con intelligenza artificiale - Molicris

Oltre 200 negozi in Italia sventano i furti con l’IA

Il sistema è di una start up che promette di diminuire il taccheggio e prevenire in tempo reale i furti Almeno tremila negozi in tutto il mondo hanno scelto una tecnologia basata sull'intelligenza...

Venezia adotta un codice deontologico per gli operatori turistici

Proporre itinerari alternativi per Piazza San Marco; utilizzare auricolari per l’ascolto delle spiegazioni delle guide; consigliare al turista di tenere la destra nelle calli per evitare intralci al...