Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

3 Giugno 2014 | Economia

Asus immagina il futuro ibrido

Un po’ notebook, un po’ tablet, con il plus di uno telefono. Asus torna sul mercato dei computer portatili con Transformer Book V , prodotto che mescola efficienza da pc e portabilità di un dispositivo mobile. Il nuovo computer portatile ha schermo da 12,5 pollici, tastiera sganciabile e doppio sistema operativo: Windows 8.1 e Android KitKat. Con un semplice clic è possibile cambiare software , a seconda delle esigenze e delle applicazioni che si vogliono usare. Transformer Book V, inoltre, offre la possibilità di telefonare tramite un cellulare 4G da 5 pollici integrato (ed estraibile) nella parte posteriore del monitor (quest’ultimo con software Android e processore Intel Atom).  Secondo la compagnia di Taipei, il nuovo prodotto tutto fare rappresenta l’esempio di convergenza definitiva in ambito tecnologico , con le parti hradware perfettamente integrate ma utilizzabili separatamente e l’opzione di spaziare tra più piattaforme, sfidando al tempo stesso Apple, Samsung e Microsoft in una concorrenza ad ampio raggio.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.