Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

29 Maggio 2014 | Economia

Avanza veloce la Google Car senza pilota

Procede a passo rapido lo sviluppo dell’autovettura automatizzata di Google , che sta costruendo alcuni prototipi da testare sulle strade della California. I primi modelli, di piccole dimensioni, viaggeranno a velocità limitata (circa 40 km all’ora) e non saranno dotate di comfort particolari. Le cento Google Car che assaggeranno le strade californiane avranno due soli posti, uno spazio per gli effetti personali dei passeggeri e uno schermo interattivo che mostrerà il percorso e permetterà di azionare o fermare il dispositivo: nessun volante, pedale, cambio o optional aggiunto.  Abbandonarsi al pilota automatico sarà un’esperienza completamente nuova per gli utenti , che scardinerà meccanismi consolidati nei guidatori da oltre un secolo. Il programma di Google prevede una sperimentazione biennale, già avallata dalla motorizzazione californiana, per poi decidere il da farsi. L’Europa, dal canto suo, sta vagliando l’ipotesi di introdurre anche sul suo territorio le GCar: Italia, Francia, Belgio e Austria sono in prima fila per ottenere i primi prototipi.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.