Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

24 Maggio 2013 | Attualità

Bbc fa mea culpa e taglia i fondi hi-tech

Bbc ha ammesso di aver speso inutilmente 98,4 milioni di sterline per un sistema di registrazione-archiviazione digitale che non è in grado di funzionare. Il servizio pubblico britannico avrebbe voluto sostituire il vecchio sistema a nastri magnetici, ma ha fallito. Niente server video interno, dunque, con tanto di clip a rapida consultazione per impiegati e (in futuro) per gli utenti. Niente grande sala digitale in cui i programmi verranno incamerati in diretta. Quel che resta del progetto è una sospensione eccellente, quella di John Linwood, capo dell’area tecnologica di Bbc e un mucchio di soldi andati in fumo. Un brutto colpo per le finanze disastrate del network d’Oltremanica , che con il nuovo sistema sperava di ottimizzare qualità e costi di gestione dei materiali: “Il Trust (l’organo che governa Bbc, ndr) è estremamente dispiaciuto per il modo in cui il progetto è stato sviluppato – si legge in un comunicato -. Vogliamo essere sicuri che un simile fallimento non si ripeta”. Così termina l’avventura del Dmi, l’avvenieristico archivio digitale mai nato.

Guarda anche:

La Specola - immagine dal sito ufficiale

Riapre la Specola, il più antico museo scientifico d’Europa

L'istituzione fiorentina propone 13 nuove sale su cere botaniche e minerali. Fu la sede della prima officina ceroplastica in città Nel giorno del suo compleanno numero 249 ha riaperto al pubblico la...
Simona Molinari - press office

Callas Tribute Prize NY assegnato a Simona Molinari

La cantante napoletana riceverà il prestigioso riconoscimento internazionale il 7 marzo, in vista della festa della Donna. La cantante Simona Molinari è stata insignita del Callas Tribute Prize NY....

L’UNESCO ha designato Bolzano Città Creativa della Musica

Con le 55 nuove realtà di tutto il mondo entrate a far parte del club delle Città Creative UNESCO, la Rete ne conta adesso 350 in oltre cento Paesi, che rappresentano sette settori creativi:...