Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

30 Aprile 2013 | Attualità

Beautiful potrebbe tornare sul set in Italia

Dopo le riprese in Puglia, Beautiful potrebbe tornare in Italia per nuove registrazioni. In una intervista a Sorrisi e Canzoni Tv , Bradley Bell, sceneggiatore e produttore della soap più vista della tv con 35 milioni di spettatori, ha spiegato che stanno valutando le possibili location per le prossime scene. Al vaglio anche Roma e Milano .  Negli ultimi anni, da quando è nata l’esigenza di spostare le riprese all’esterno, portando gli attori in mezzo alla gente e in giro per il mondo, Beautiful ha avuto come cornice delle sue vicende, i Paesi più esotici e ambiti del pianeta. E così, dopo Australia, Caraibi, Messico, Olanda e ben quattro volte in Italia negli ultimi quindici anni , i produttori stanno cercando le località dove spostare il set nei prossimi mesi. In pole position ci sono Sud Africa e Australia ma, visto il positivo riscontro di pubblico ottenuto con le riprese in Puglia, “si pensa a un ritorno in Italia. Le possibili mete sono la Costiera Amalfitana, Sardegna, Toscana ma anche Milano e Roma”.

Guarda anche:

SINALUNGA_VEDUTADELCENTRO_LIB_ALESSIOGRAZI

Turismo: piccolo è bello, lo certifica la Bandiera Arancione del TCI

Il Touring Club Italiano ha assegnato durante la Borsa Internazionale del Turismo (BIT), le 281 Bandiere Arancioni del triennio 2024-2026, confermandone 277 sottoposte alla verifica triennale e...
Filming Italy Los Angeles Festival - immagine dal sito ufficiale

Nona edizione di Filming Italy – Los Angeles dal 26 al 29 febbraio

Lifetime Achievement Award a Franco Nero, premio Best Director a Matteo Garrone, che è candidato agli imminenti Oscar Al via la nona edizione di Filming Italy - Los Angeles, il festival che vuole...
Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...