Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

9 Gennaio 2023 | Attualità, Eventi

Biennale Architettura, il Padiglione Italia è “Spaziale”

Lo spazio italiano alla Mostra internazionale di Venezia sarà curato dal collettivo Fosbury Architecture. Al centro, i valori di ricerca e collaborazione. 

“SPAZIALE: Ognuno appartiene a tutti gli altri” è il titolo del Padiglione Italia alla 18esima Mostra internazionale di architettura La Biennale di Venezia. Il prestigioso evento si terrà dal 20 maggio al 26 novembre. La curatela è dell’architetta, docente di architettura e scrittrice Lesley Lokko.

La Biennale di Venezia

Da oltre un secolo la Biennale rappresenta un palcoscenico d’avanguardia per la promozione delle nuove tendenze artistiche e costituisce. Un appuntamento imperdibile per il mondo della cultura.

I Paesi partecipanti alla Biennale allestiscono il proprio padiglione con le proposte nazionali più interessanti, nell’alternanza annuale tra arte e architettura.

Il programma del Padiglione Italia alla Mostra 2023

Il progetto del Padiglione Italia è promosso dalla direzione generale creatività contemporanea del ministero della Cultura. Quest’anno è a cura del collettivo milanese Fosbury Architecture composto da Giacomo Ardesio, Alessandro Bonizzoni, Nicola Campri, Veronica Caprino e Claudia Mainardi.

Nel periodo che precede l’apertura della Biennale Architettura 2023, da gennaio ad aprile, saranno attivati nove interventi site-specific in altrettanti luoghi selezionati su tutto il territorio italiano. 

Durante la mostra andrà in scena all’interno del Padiglione Italia “SPAZIALE: Ognuno appartiene a tutti gli altri”. Si assisterà alla sintesi formale e teorica dei processi innescati nei mesi precedenti. Da qui emergerà una diversa e originale immagine dell’architettura italiana nel contesto internazionale.

Il tema “SPAZIALE: Ognuno appartiene a tutti gli altri”

Il progetto si fonda sulla visione di Fosbury Architecture che l’architettura sia una pratica di ricerca al di là della costruzione di manufatti e la progettazione sia sempre il risultato di un lavoro collettivo e collaborativo, che supera l’idea dell’architetto-autore.

Lo “spazio” è inteso, in questa visione, come luogo fisico e simbolico, area geografica e dimensione astratta, sistema di riferimenti conosciuti e territorio delle possibilità.

I numeri della precedente Mostra di Architettura

La scorsa edizione della Mostra internazionale di architettura alla Biennale di Venezia ha visto esposti i lavori di 112 partecipanti provenienti da 46 Paesi. Per l’occasione, tre Paesi hanno esordito nell’autorevole cornice culturale: Grenada, Iraq e Repubblica dell’Uzbekistan.

Per informazioni: https://www.labiennale.org/it/architettura/2023, https://creativitacontemporanea.beniculturali.it/padiglioneitalia/

 

Di Valentina Colombo.

Guarda anche:

Creazione in MuSkin

MuSkin, come un fungo parassita diventa un abito sostenibile

Un progetto di tesi degli allievi di Modartech Pontedera riporta all’attenzione un brevetto eco di qualche tempo fa, oggi ancora più utile in ottica di una maggiore sostenibilità. Se è vero che le...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...
perfetti sconosciuti

“Perfetti Sconosciuti”, un altro remake per il film italiano da Guinness

Mentre è impegnato con il lancio del nuovo film "Il primo giorno della mia vita", il regista Paolo Genovese festeggia un altro adattamento internazionale per la sua pellicola del 2016. A metterli in...