Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

13 Aprile 2007 | Attualità

Big G è pronto “a dare la paga” a eBay

Google ha lanciato il servizio di pagamento online Google Checkout nel Regno Unito. Big G sbarca ufficialmente in Europa e insidia il regno di PayPal facendo tremare eBay, che con il suo sistema di transazioni per il web  è leader indiscusso del mercato nel Vecchio continente. Una volta registratosi al servizio Checkout e inserito il numero della carta di credito, il sistema provvederà automaticamente ai pagamenti ogni qual volta l’utente compra sul web. Oltre a snellire i processi di acquisto, sono garantite privacy e sicurezza , poiché i dati dell’utente (carta di credito, email, ecc.) sono conosciuti esclusivamente da Google, che funge da intermediario per il pagamento. Big G offre gratuitamente il servizio Google Checkout fino al prossimo 31 dicembre . Le tariffe non promozionali prevedono il 2% della transizione e 20 centesimi per ogni operazione compiuta. Per le imprese che investono su AdWords, il sistema di advertising online che già guarda al mondo offline, spaziando dalla radio alla tv, dalla carta stampata alle affissioni, per ogni dollaro speso in pubblicità, Google ne mette a disposizioni 10 da usare sul servizio Checkout. Tutti contenti? Forse sì, anche se qualcuno che rosica c’è già. Si tratta di eBay e del suo PayPal, sistema di pagamento online, attualmente il più diffuso per gli acquisti su internet. A livello europeo, PayPal ha registrato un totale di pagamenti per 8.4 miliardi di dollari nel 2006. eBay ha recentemente comunicato, per la prima volta, i dati complessivi di PayPal: 35 milioni di utenti in Europa, 1,6 milioni in Italia, un nuovo utente ogni 30 secondi. Google dichiara che il suo Checkout non è in concorrenza con altre realtà del mercato . Ma c’è da non credergli.

Guarda anche:

Italiani, navigatori, poeti, turisti e … ospitanti

L’Italia, con 72.869 ingressi, è la prima nazione nella classifica dei turisti esteri in Giordania nel 2022; la classifica redatta dal ministero del Turismo e delle antichità giordano vede al 2° e...
Creazione in MuSkin

MuSkin, come un fungo parassita diventa un abito sostenibile

Un progetto di tesi degli allievi di Modartech Pontedera riporta all’attenzione un brevetto eco di qualche tempo fa, oggi ancora più utile in ottica di una maggiore sostenibilità. Se è vero che le...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...