Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Gennaio 2013 | Attualità

BigG e gli editori francesi, la pace è lontana

Con un articolo pubblicato nel fine settimana su Le Monde viene alla luce una proposta messa sul piatto da BigG prima di Natale: 50 milioni di euro su base annuale, in cambio del via libera per continuare a pubblicare titoli ed estratti delle notizie. Non c’è però stata alcuna stretta di mano, con la  controparte che alza il tiro chiedendo una cifra compresa fra i 70 e i 100 milioni di euro. Critiche da parte degli editori anche verso la  formula scelta da Google  per il pagamento : un terzo del totale attraverso l’acquisto di spazi pubblicitari sui siti delle testate coinvolte e il restante con una partnership commerciale riguardante l’advertising.  Nel caso in cui le parti non dovessero trovare un’intesa, non è da escludere un intervento diretto da parte del governo francese, che già in passato ha parlato di una Internet tax con l’obiettivo di obbligare i fornitori di servizi online a supportare economicamente chi gestisce le infrastrutture dedicate alla connettività. Lo stesso potrebbe avvenire anche in ambito editoriale . 

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.