Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

24 Novembre 2023 | Attualità

Brunello di Argiano 2018 miglior vino del mondo

Lo ha detto Wine Spectator. È la quinta volta per un vino italiano, sempre fra quelli toscani. Un brunello arrivò secondo lo scorso anno

È un Brunello di Montalcino il miglior vino al mondo per il 2023. Lo dichiara Wine Spectator, una Bibbia nel mondo dell’enologia. L’Argiano 2018 diventa così il secondo Brunello ad aggiudicarsi il premio più ambito per un vino a livello globale, dopo l’affermazione nel 2006 del suo omologo Tenuta Nuova 2001 di Casanova di Neri. Ed è anche il secondo anno consecutivo che un brunello finisce sul podio dell’importante testata: lo scorso anno il Riserva 2016 Fattoria dei Barbi era arrivato secondo.

“Siamo felici per l’azienda senese guidata da Bernardino Sani, sotto la proprietà dell’imprenditore brasiliano André Santos Esteves”, commenta il presidente del Consorzio del Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci. “Si tratta”, continua, “di un enorme riconoscimento per tutta la denominazione e conferma da una parte il rapporto virtuoso di Montalcino con gli investitori stranieri, dall’altra la capacità delle nostre imprese di esprimere la massima qualità anche in annate spesso accolte tiepidamente dalla critica”.

“La qualità stellare dell’Argiano Brunello di Montalcino 2018 – cita nella presentazione la rivista statunitense che il Consorzio riporta – è frutto di oltre 10 milioni di dollari di investimenti realizzati nella tenuta in un decennio. Segno che nel mondo del vino, un cambio di proprietà o di paradigma stilistico può portare enormi benefici”. Argiano è una proprietà con 57 ettari di vigneto, di questi quasi 22 sono destinati al Brunello e 10 al Rosso di Montalcino. Citata dal Carducci a fine ‘800 (“Mi tersi con il vin d’Argiano, il quale è buono tanto”), la tenuta dispone di un wine relais nella villa cinquecentesca.

L’Argiano 2018 è il quinto ‘Wine of The year’ nella storia – tutta toscana – dell’Italia premiata da Wine Spectator. Oltre ai due Brunelli già citati, sono stati premiati anche Ornellaia, Solaia e Sassicaia. Il brunello, però, resta la denominazione più premiata negli dalla testata enologica, con 15 nomination arrivate top ten. Quest’anno, inoltre, per la prima volta è arrivato nella top 100 un Rosso di Montalcino, altra denominazione che fa capo allo stesso consorzio.

di Daniela Faggion

Brunello di Montalcino Wine of the Year

Guarda anche:

Filming Italy Los Angeles Festival - immagine dal sito ufficiale

Nona edizione di Filming Italy – Los Angeles dal 26 al 29 febbraio

Lifetime Achievement Award a Franco Nero, premio Best Director a Matteo Garrone, che è candidato agli imminenti Oscar Al via la nona edizione di Filming Italy - Los Angeles, il festival che vuole...
Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Lago di montagna - ph. kordi_vahle

Laghi alla plastica su Alpi e Prealpi italiane

Una ricerca in collaborazione con le Università di Milano e del Piemonte Orientale svela una massiccia presenza di microplastiche anche in alta quota Microplastiche, frammenti e residui di...