Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

22 Marzo 2007 | Innovazione

Cade l’accusa per Charlie Hebdo

Scagionato dall’accusa di “ingiurie basate sul pregiudizio religioso” il direttore del settimanale satirico francese “Charlie Hebdo ”. Philippe Val era finito davanti al tribunale di Parigi per aver pubblicato vignette che ritraevano tre caricature del profeta Maometto. L’unione delle organizzazioni islamiche francesì, però, ricorrerà in appello. Sentenza tra un anno. “Finché ci saranno aggressioni verbali o caricature contro i musulmani – dice Dalil Boubakeur, rettore della Moschea di Parigi – consiglio a tutti di seguire la via dei tribunali” I giornalisti di “Charlie Hebdo” si difendono, spiegando che non volevano attaccare i musulmani, ma solo i terroristi islamici e avevano incassato anche la solidarietà del mondo politico con numerose personalità del calibro di François Bayrou, François Hollande et Nicolas Sarkozy.

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...

Intenso fruttato con sentori di noce? Ora ce lo dirà l’intelligenza artificiale?

Dall'Italia il sommelier personale del futuro, figlio della tecnologia Gpt. Nasce dall'intelligenza artificiale il sommelier personale italiano che consiglia quale vino abbinare a determinati...