Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

9 Novembre 2007 | Attualità

Calcio in tv: dal 2010 cambia tutto

Via libera alla nuova legge sui diritti sportivi. Recepita la ripartizione delle risorse decisa dalla Lega Calcio : il 40% dei proventi distribuito equamente tra tutte le società di serie A, il 30% sarà ripartito tra tutte le squadre in base ai risultati sportivi conseguiti e il restante 30% in base al bacino di utenza. Le nuove norme sui diritti sportivi “ entreranno in vigore dal campionato 2010 ”. Lo ha spiegato il ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni. Fino a quel momento, è previsto un periodo transitorio. “ La data spartiacque – ha detto il Ministro – è il 31 maggio 2006: tutti i contratti stipulati entro quella data restano in vigore fino al 2010. I nuovi limiti – dice Gentiloni – sono 8′ a giornata di campionato, 4′ al giorno e 3′ a singolo evento sportivo ” Si ampliano quindi i diritti di cronaca per documentare gli eventi sportivi più importanti nei telegiornali , a prescindere dalla titolarità dei diritti della tv che li manda in onda su quegli eventi. “ Avrà un grande impatto su tutto il sistema televisivo. Abbiamo dato grande importanza alle piattaforme emergenti. I diritti dovranno essere venduti a prezzi commisurati ai bacini di utenza. Abbiamo fatto particolare attenzione a che i diritti non venduti possano essere messi a disposizione dell’emittenza locale, a condizione di particolare favore e con forme agevolate ” conclude il ministro Gentiloni. “ Il calcio italiano sarà più competitivo, più equo, più valorizzato a livello internazionale e attento ai vivai e ai dilettanti ” è l’auspicio è di Giovanna Melandri, ministro alle Politiche giovanili e alle attività sportive Le nuove norme entreranno in vigore a pieno regime dalla stagione 2010/2011 dopo due anni di transizione. “ C’erano dei contratti già sottoscritti di cui non potevamo non tener conto – ha osservato il ministro Melandri -. Ci siamo ispirati al modello Uefa e questa norma darà maggior valore al calcio italiano. La riforma ridurrà il divario, oggi assai profondo, tra piccoli e grandi club. Un divario che oggi è di 7-8 a 1 e che con il decreto legislativo si ridurrà a 4 a 1, cioè la media europea ”

Guarda anche:

A Roma la ventesima edizione di “Più libri più liberi”

La piccola e media editoria italiana si incontra per cinque giorni di dibattiti e presentazioni. Dal focus internazionalizzazione un dato rassicurante: crescono i titoli italiani ceduti in Europa...

Le sfide di Milano

Una visione di Milano 2030 è evocata nel volume “8tto Racconti di Milano - Verso un nuovo progetto di città”. Edito da Assimpredil Ance di Milano, Lodi, Monza e Brianza, per approfondire, sotto...

Donne e over 65 i bevitori italiani di vino nell’analisi post pandemia

Uno studio dell’agenzia Wine Intelligence traccia il profilo post pandemia del consumatore italiano del vino.  La pandemia ha modificato il profilo del consumatore italiano di vino che è sempre più...