Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

2 Febbraio 2006 | Economia

CALCIO, UNA RIFORMA PER LE MODALITà DI CESSIONE DEI DIRITTI TV è ANCORA LONTANA

I grandi e i piccoli club del calcio non sono riusciti a trovare un accordo sulle modalità di vendita dei diritti alle tv. Franco Carraro, presidente della Figc(Federazione italiana giuoco calcio), cerca di rasserenare gli animi dopo i fuochi delle ultime settimane e si dice favorevole a una riforma dell’attuale legge, che prevede che ciascuna squadra venda i propri diritti singolarmente. Ma Carraro sottolinea che bisogna fare il tutto con gradualità, perché diversi club hanno già venduto i diritti fino al 2009. Dopo Milan e Juventus, anche Inter e Livorno hanno infatti firmato con Mediaset. Ma la battaglia dei diritti non riguarda solo i club. Mediaset ha di recente avviato un’azione legale contro la Rai per “violazione dell’esclusiva sui diritti televisivi in chiaro del campionato di serie A” acquistati dalla tv del Biscione all’inizio del campionato. La disputa è relativa a “Quelli che…il calcio” condotto da Simona Ventura su Raidue che fornisce i risultati delle partite in diretta.

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...