Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

21 Dicembre 2022 | Attualità, Economia

Cibo italiano, export da 60 miliardi

Il traino è nel vino, dice Coldiretti. I prodotti dell’agroalimentare crescono in Europa e Stati Uniti, rallentano in Cina e Russia

 

Secondo Coldiretti, se il trend di crescita verrà confermato dagli ultimi dati dell’anno, nel 2022 l’export agroalimentare italiano nel mondo raggiungerà quota 60 miliardi segnando un vero e proprio record storico. Il traino è dato da prodotti base come il vino, che guida la classifica del Made in Italy più esportato, seguito dall’ortofrutta fresca.

Vino e ortofrutta guidano l'export agroalimentare italiano

Vino e ortofrutta guidano l’export dell’agroalimentare italiano

Certo, non mancano le ombre del periodo, dovute al conflitto in Ucraina e ai rincari energetici, ma l’analisi della principale associazione italiana dei coltivatori, stilata sulla base dei dati Istat sul commercio estero relativi ai primi dieci mesi dell’anno, evidenzia un balzo del +17,8% per l’alimentare nonostante la guerra iniziata a febbraio, le tensioni internazionali sugli scambi di beni e servizi, la crisi energetica e l’inflazione.

 

In lizza coi würstel

La Germania resta il principale mercato di sbocco per l’agroalimentare italiano, che là fra gennaio e ottobre ha segnato un +13%. A seguire gli Stati Uniti, dove la percentuale di crescita è addirittura superiore (+20%), e la Francia con un incremento degli acquisti di cibo italiano del 17%. Senza badare ad alcuna “rivalità”, evidentemente. Ottimi risultati anche al di là della Manica: nonostante la Brexit l’export gastronomico dall’Italia è cresciuto in Gran Bretagna del 18%.

Un banco di frutta e verdura a un mercato

Un banco di frutta e verdura in un mercato italiano

Cala l’export con Cina e Russia

Un mercato che ha registrato un forte aumento della domanda di italian food è la Turchia (+25%). Peggiora invece la situazione degli scambi alimentari con la Cina (-21%), su cui pesano probabilmente gli strascichi della gestione Covid, e con la Russia (-7%), fra sanzioni e guerra.

 

Margini di miglioramento

Secondo il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, “per sostenere il trend di crescita dell’enogastronomia nazionale serve ora agire sui ritardi strutturali dell’Italia e sbloccare tutte le infrastrutture che migliorerebbero i collegamenti tra Sud e Nord del Paese e con il resto del mondo, per via marittima e ferroviaria in alta velocità, con una rete di snodi composta da aeroporti, treni e cargo”. In concreto, sottolinea, occorre lavorare su due fronti: il primo, cogliere l’opportunità del Pnrr per modernizzare la logistica nazionale che ogni anno danneggia il Paese penalizzando le opportunità di export; il secondo, valorizzare il ruolo strategico dell’Istituto per il Commercio Estero (con il sostegno delle ambasciate) per sostenere le imprese che vogliono conquistare nuovi mercati e rafforzare quelli consolidati.

di Daniela Faggion

Prodotti tipici italiani

Guarda anche:

Agroalimentare, Italia solo 4° tra le grandi economie europee

E' quanto emerge dall'analisi di The European House-Ambrosetti presentata in occasione dell'8/a edizione del Forum 'La Roadmap del futuro per il Food&Beverage. Quali evoluzioni e quali sfide per...
vegetali - Nika_Akin

L’Erbario centrale italiano di Firenze diventa digitale

Oltre due milioni di campioni vegetali, cui si aggiungono i 2 milioni provenienti da altre collezioni. Diventeranno file entro l'agosto 2025, grazie a 7 milioni di finanziamento. Trasformare...

È in Italia la città in cui si mangia meglio al mondo

Ad affermarlo è una ricerca fatta dalla rivista Time Out che ha eletto Napoli, con la sua pizza Margherita, vincitrice fra 20 città del mondo. Al secondo posto Johannesburg e al terzo Lima. Per...