Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

7 Luglio 2009 | Attualità

Cina e Russia aderiscono a Icann

Cina e Russia entrano a far parte di Icann (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) , il governo globale del web. L’associazione, che sovrintende al funzionamento della rete e alla gestione dei domini, può ora contare sull’adesione di due dei mercati mondiali più affollati. La Cina, in particolar modo, è il primo paese al mondo per numero di navigatori (298 milioni) e domini (17 milioni), e sta vivendo una vera e propria esplosione di internet all’interno dei confini nazionali. Nel 2007-2008, gli internauti sono cresciuti del 42%, quelli connessi tramite cellulare (117 milioni) del 133%, i blog censiti sono 162 milioni. L’auspicio, ovviamente, è che l’ingresso del colosso orientale nell’Icann contribuisca a una maggiore libertà del web cinese e dei suoi utenti , finora controllati con pervicacia dal governo di Pechino, che pensa anche all’introduzione di un filtro da montare sui pc per limitare l’accesso ai siti esteri ritenuti politicamente sensibili.  Vieni a trovarci su Facebook       

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.