Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

4 Giugno 2008 | Attualità

Cinema cinese bandisce Sharon Stone

Il cinema cinese si indigna davanti alle considerazioni dell’attrice americana Sharon Stone sul devastante terremoto che ha colpito la provincia di Sichuan e ne sancisce il bando permanente. La bionda di Hollywood aveva definito il terremoto in Cina “una questione di karma” dovuta alla repressione del popolo tibetano per mano delle autorità di Pechino; ora la star chiede pubblicamente scusa per le dichiarazioni rilasciate durante il Festival di Cannes. Le ardite affermazioni hanno procurato all’attrice l’interruzione del rapporto con la casa di moda Christian Dior che ha deciso di ritirare l’immagine della diva americana dai prodotti del marchio Dior in Cina.  “Le mie parole inopportune hanno infuriato e rattristato la popolazione cinese, mi scuso davvero tanto per questo. Vorrei partecipare alle attività di soccorso e farò del mio meglio per aiutare la popolazione cinese afflitta dal disastro” ha dichiarato l’attrice in un comunicato ufficiale inoltrato da Dior China.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.