Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

30 Marzo 2006 | Economia

CLASSIFICA MONDIALE IT WORLD ECONOMIC FORUM: PRIMI USA E ITALIA AL 42° POSTO

Gli Usa tornano al vertice mondiale della tecnologia, seguiti da Singapore, Danimarca, Islanda e Finlandia. L’Italia è al 42° posto, su 115 paesi, dal 45° del 2004. E’ quanto emerge dalla classifica annuale 2005 del Global Information Technology Report del World Economic Forum che misura la penetrazione dell’Ict (Information Communication Technology) nel mondo e il suo impatto sullo sviluppo e la competitività nei paesi. Per l’Italia i punti deboli sono: qualità del sistema educativo (68), importanza dell’Ict per il governo (63) e la sua capacità di procurarsi strumenti tecnologici (65). L’Italia è al quarto posto per l’uso di cellulari e al decimo per abbonamenti telefonici, per l’uso di internet scende al 55°.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.