Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

5 Ottobre 2021 | Attualità

Con la nuova piazza Loreto Milano si prepara alle Olimpiadi

Il grande progetto di rigenerazione urbana per la piazza tra le più trafficate del capoluogo lombardo darà vita a uno spazio green e inclusivo che sarà pronto ad accogliere i giochi del 2026.

Sostenibilità e inclusività sono le linee guida del nuovo piazzale Loreto a Milano. Per lo snodo nevralgico della città meneghina che funge da anello di congiunzione tra corso Buenos Aires e via Padova si parla di rivoluzione verde.

Il progetto incorpora gli obiettivi dell’Agenda 2030 attraverso strategie e azioni tangibili di rigenerazione urbana. Cinquecento alberi da piantumare, specchi d’acqua, 1.300 metri quadrati di tetti verdi, più di 4 mila metri quadrati di pannelli fotovoltaici e oltre 10 mila metri quadrati di spazio pubblico verde “restituiti” ai cittadini rispetto ai 2.484 metri quadrati disponibili oggi. Il progetto si chiama LOC Loreto Open Community perché l’obiettivo è portare al centro la comunità locale nella realizzazione dell’ambiziosa iniziativa: un invito a incontrarsi e a partecipare per condividere idee e proposte al punto di ascolto che sarà aperto in autunno proprio nella piazza. Ad aggiudicarsi il bando internazionale Reinventing cities indetto dal Comune di Milano insieme a C40, un team multidisciplinare con capofila Ceetrus Nhood.

Il valore dell’operazione di rigenerazione urbana consiste nella capacità di preservare la performance di circolazione esistente riducendo la superficie carrabile del 50%, grazie alla costruzione di uno spazio su tre livelli, con il 69% dedicato ad aree per la comunità. L’area si riconfigurerà come organismo architettonico aperto destinato alla vita di comunità, con un piano ribassato e ipogeo che sarà la vera piazza anfiteatro, flessibile e adattabile a diversi usi temporanei pubblici come concerti, manifestazioni, mercati, attività sportive e occasioni di aggregazione. I tetti degli edifici saranno adibiti a giardini rialzati aperti al pubblico e gestiti in sinergia con le attività commerciali sottostanti. Saranno presenti, oltre a giochi d’acqua, colonnine di ricarica elettrica, rastrelliere e stazioni di bike sharing. Il traffico verrà posto ai margini della piazza per favorire gli spostamenti ciclabili e pedonali all’interno dell’area e la penetrazione tra i diversi assi stradali. Il livello strada sarà collegato all’area interna del piazzale attraverso sistemi di risalita verticale come scale, rampe e ascensori.

Anche il benessere ne guadagnerà. Il progetto porterà la riduzione delle isole di calore in particolare nei picchi estivi e la creazione di un micro-clima con una temperatura di 6-7° inferiore alla temperatura percepita, contribuendo alla riduzione complessiva di CO2 nell’area, rispetto allo stato attuale, del 35%. Gli edifici nella piazza e nelle vie circostanti saranno altamente sostenibili con strutture ibride realizzate in legno e materiali eco-compatibili: ospiteranno un asilo nido, uffici in co-working e un ostello.

 

di Valentina Colombo
piazzale Loreto

Guarda anche:

Desertificazione

Cop 27 vista da dentro

29In Italia non si parla già più della Conferenza sul Clima dell’Onu numero 27 che si è svolta e chiusa a Sharm el-Sheikh. Ma gli Italiani là presenti assicurano che sia stata davvero importante....
NOIR 32 celebra le Iene

Al Noir in Festival 30 anni di Iene (il film)

30 anni fa Le Iene veniva presentato in Italia al Noir in Festival. Adesso la kermesse celebra quel primo iconico film di Quentin Tarantino con la locandina e una serie di eventi.   Debuttava...

Suore a scuola per comunicare il Vangelo sui social

Le suore provenienti da ogni parte del mondo hanno partecipato al workshop di cultura digitale ‘Pratiche e formati della comunicazione digitale per la vita religiosa’.  A organizzarlo è stata...