Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

5 Aprile 2007 | Economia

Consob dà via libera a Swisscom per Opa su Fastweb

Nulla osta della Consob a Swisscom per l’Opa amichevole sulle azioni Fastweb. La richiesta era stata depositata il 20 marzo scorso e oggi la Consob ha approvato il documento di offerta. L’offerta inizierà il 10 aprile e si concluderà il 15 maggio. Il prezzo dell’offerta ammonta a 47 euro per azione. Il nulla osta riguarda la pubblicazione del documento relativo all’offerta pubblica di acquisto volontaria che sara’ lanciata da Swisscom sul 98,26% del capitale azionario di Fastweb, di cui Swisscom detiene attualmente l’1,74%. Nella sostanza non ci sono variazioni rispetto alle condizioni dell’offerta comunicati il 12 marzo 2007. Il consiglio di amministrazione di Fastweb ha espresso parere favorevole all’Opa dopo aver preso in considerazione le fairness opinion rilasciate dai propri consulenti finanziari. L’esborso massimo relativo all’offerta è pari a 3,7 miliardi di euro e verrà finanziato da un consorzio di banche internazionali. Swisscom, si legge in una nota, investe in Fastweb con l’obiettivo dichiarato di migliorare ulteriormente la sua posizione competitiva e la sua superiorita’ a livello tecnologico, nonché di ampliare il portafoglio prodotti. Swisscom ritiene che l’acquisizione procurerà vantaggi a tutti gli azionisti, ai clienti e ai dipendenti di Swisscom e Fastweb.

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...