1 Giugno 2021 | Economia

Cultura, creatività e bellezza: il Made in Italy come arma di resistenza alla crisi pandemica
E’ quanto emerge dal rapporto Io sono cultura 2020, L’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi, promosso dalla Fondazione Symbola. I numeri presentati dimostrano come la cultura sia uno dei motori della nostra economia. Il rapporto, quest’anno arrivato alla sua decima edizione, contiene, insieme a un’analisi del sistema pre-covid (2019), anche informazioni sul 2020, ricavate attraverso un’indagine condotta su un campione di oltre 1.800 imprese appartenenti al core del Sistema Produttivo. Analizza il Sistema Produttivo Culturale e Creativo, ovvero tutte quelle attività economiche che producono beni e servizi culturali, ma anche tutte quelle attività che non producono beni o servizi strettamente culturali, ma che utilizzano la cultura come input per accrescere il valore simbolico dei prodotti, quindi la loro competitività, che nello studio vengono definite creative-driven.
Il sistema produttivo culturale si articola in 5 macro settori: industrie creative (architettura, comunicazione, design), industrie culturali propriamente dette (cinema, editoria, videogiochi, software, musica e stampa), patrimonio storico-artistico (musei, biblioteche, archivi, siti archeologici e monumenti storici), performing arts e arti visive a cui si aggiungono le imprese creative-driven (imprese non direttamente riconducibili al settore ma che impiegano in maniera strutturale professioni culturali e creative, come la manifattura evoluta e l’artigianato artistico).
Nel 2019 il Sistema Produttivo Culturale e Creativo era in crescita e rappresentava il 5,7% del valore aggiunto italiano: oltre 90 miliardi di euro, cioè l’1% in più dell’anno precedente. Oltre il 44% di questa ricchezza era generato da settori non culturali, manifatturieri e dei servizi, nei quali lavorano oltre 630.000 professionisti della cultura. Il Sistema Produttivo Culturale e Creativo dava lavoro a più di un milione e mezzo di persone, vale a dire il 5,9% dei lavoratori italiani. Dato in crescita su base annuale rispetto al 2018: +1,4%, con una performance nettamente migliore rispetto al complesso dell’economia (+0,6%), che segna un contributo crescente della filiera all’occupazione nazionale. 
Altra foto quella dell’indagine condotta nel 2020, in cui il 44% degli operatori della filiera stima perdite di ricavi per il 2020, superiori al 15% del proprio bilancio, il 15% prospetta perdite che superano addirittura il 50%. A soffrire di più sono state le imprese dei settori performing arts e arti visive, quelle operanti nella conservazione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico, per la maggiore esposizione alle norme di distanziamento sociale e molte delle imprese che rappresentano l’indotto culturale come ad esempio parte della nostra industria turistica.

Guarda anche:

Successo delle telecomunicazioni mobili in Kuwait

La società di telecomunicazioni mobili del Kuwait, Mtc, ha annunciato il raggiungimento di profitti record nel 2006, toccando quota 1,056 miliardi di dollari, + 67,9% rispetto al 2005.

Internet of things, questione di miliardi

Diciannovemila miliardi di dollari. Questo secondo Cisco è il valore dell’internet delle cose, ovvero dell’aggregato di connettività, funzioni e servizi legati al web, con relativi dispositivi mobili agganciati alla rete. L’integrazione tra web e dispositivi (cellulari, tablet, televisori, elettrodomestici, automobili e altro ancora) vale una fortuna.

Bancarotta per la svedese Neonode

La società svedese Neonode AB, che sviluppa e produce smartphone, ha dichiarato ieri bancarotta. Per Bystedt, amministratore delegato e presidente della società, ha così spiegato la decisione presa: “Negli ultimi sei mesi abbiamo cercato di sbrogliare la situazione finanziaria. Continuiamo ad avere una grande fiducia nella nostra tecnologia e vediamo nello smartphone Neonode N2 un prodotto competitivo, ma senza fondi sufficienti non possiamo continuare le nostre attività”.