Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

8 Febbraio 2022 | Ambiente, Attualità

Dal Politecnico di Torino una dieta per il benessere del pianeta

E’ quanto propone un gruppo di ricercatori del Politecnico di Torino, autori di uno studio pubblicato su Nature Food, che ha misurato l’inadeguatezza dei sistemi alimentari attuali dal punto di vista della salute e della sostenibilità.

Marta Tuninetti, Luca Ridolfi e Francesco Laio del Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture-Diati del PoliTO, nello StudioCompliance with EAT–Lancet dietary guidelines would reduce global water footprint but increase it for 40% of the world population”, pubblicato a gennaio 2022 sulla rivista Nature Food, propongono uno strumento, l’indicatore Diet Gap, capace di offrire un’ampia panoramica di approcci utili a innestare la transizione verso una dieta sana e sostenibile.

La Commissione EAT-Lancet ha riunito 37 dei principali esperti mondiali di nutrizione e sostenibilità, che dopo 2 anni di studi sui fabbisogni nutrizionali umani e sui livelli di sostenibilità, ha formulato la dieta sana per la salute umana e per quella del Pianeta.

Un esempio: secondo le indicazioni della Commissione, il consumo settimanale di carne rossa dovrebbe essere limitato a un massimo di 200 grammi. In media, invece, la soglia viene superata di 2,5 volte; in Europa addirittura la soglia viene superata di ben 4 volte, con importanti ripercussioni su salute e ambiente.

Viceversa, il consumo di legumi è inferiore alla quantità ideale (circa 100 grammi al giorno), soprattutto nei paesi più sviluppati, dove l’assunzione di ceci, fagioli, lenticchie risulta stagnante e sotto soglia fin dagli anni Sessanta.

Ma se per la produzione di 200 grammi di lenticchie sono necessari circa 900 litri di acqua, per la stessa quantità di carne bovina ne sono richiesti più del doppio. In questi caso, in altre parole, se tutti i paesi adottassero la dieta Eat-Lancet, l’impronta idrica diminuirebbe del 12% su scala globale.

 

di Arman C. Mariani

dieta

Guarda anche:

Dart contro l’asteroide:  arrivano le immagini dal mini-satellite tutto made in Italy 

E’ la prima volta che il genere umano modifica lo stato orbitale di un corpo celeste. A fotografare questa unicità nella storia dello spazio è stato uno strumento realizzato da una squadra di...

l gran rifiuto dell’Italia

Da uno studio statistico pubblicato da Eurostat, dal 2004 al 2020 la quantità di rifiuti riciclati è aumentata in modo significativo: da 870 milioni di tonnellate nel 2004 ai 1.221 milioni di...

Il Salone Nautico di Genova chiude in crescita

6,1 miliardi di fatturato. Una crescita del 31,3% del fatturato globale rispetto all'anno scorso. Ma soprattutto 26.350 posti di lavoro, pari a un incremento del 9,7%. 03.812 visitatori e un...