Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

22 Marzo 2024 | Attualità, Innovazione

Dall’Alto Adige agli Stati Uniti, la mummia Ötzi protagonista con i suoi tattoo al carbone

Sullo European Journal of Archaeology lo studio di un team di ricercatori americani in collaborazione con due tatuatori professionisti

Fra le varie idee per un tatuaggio quella di ispirarsi a un essere umano della preistoria è certamente originale, ancor più se lo si fa per motivi scientifici. Due tatuatori professionisti, infatti, hanno ricostruito l’antica tecnica utilizzata per disegnare il corpo di Ötzi e ha inciso sulla propria pelle gli stessi segni di 5.300 anni fa. L’opera è stata condotta in collaborazione con un team di ricercatori americani, che ha poi pubblicato un articolo in merito sullo European Journal of Archaeology pubblicato dall’Università di Cambridge.

I tatuaggi al carbone sul corpo dell’uomo del Similaun sono stati realizzati perforando la pelle con uno strumento appuntito in osso o rame, attraverso una tecnica simile a quella che i tatuatori contemporanei chiamano ‘hand poke’, cioè pungendo la pelle con uno strumento appuntito, in osso o in rame. Sessantuno in tutto i segni ritrovati sulla mummia conservata al Museo archeologico di Bolzano, fra zona lombare, addome, polso sinistro e arti inferiori. Guidati dall’archeologo del Tennessee Aaron Deter-Wolf, i ricercatori e i due tatuatori Danny Riday e Maya Sialuk Jacobsen hanno lavorato insieme per ricostruire la tecnica usata da Ötzi.

I due artisti hanno riprodotto alcuni disegni sulla gamba di Riday, sperimentando otto tipi di strumenti (ossa di animali, ossidiana, rame, zanne di cinghiale e un moderno ago d’acciaio) e quattro diverse tecniche di tatuaggio (hand tapping, hand poking, incisione e tatuaggio subdermico). I ricercatori, intanto, hanno documentato il processo di guarigione della pelle e gli esiti così da confrontarli con Ötzi. Strumenti simili ai punteruoli usati sull’uomo del Similaun sono stati trovati nella regione alpina in cui è stato recuperato ma non erano mai stati riconosciuti come strumenti per i tattoo.

di Daniela Faggion
Mummia Otzi - ph. Bastiaan

Guarda anche:

L’ Al al servizio della tutela del patrimonio culturale italiano

In Italia il traffico illecito di beni culturali viene contrastato dal personale del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC) con il supporto di piattaforme e archivi informatici...

Fondazione Italia Patria della Bellezza premia le realtà culturali italiane importanti ma poco note

Sono 22 le realtà culturali vincitrici del "Premio 2024 della Fondazione Italia Patria della Bellezza" giunto alla sua quarta edizione, di cui 3 premiate con un contributo complessivo di 60.000 euro...
Uomo nel grano - ph Pexels

Cibo Made in Italy non ci sarebbe senza il lavoro degli immigrati

Secondo nove casi studio sono centinaia di migliaia le persone giunte in Italia dall'estero che lavorano per i prodotti tipici italiani Fino al 50% di manodopera straniera dietro alle filiere....