Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Marzo 2013 | Attualità

Downey Jr. dimentica gli eccessi del passato

Un tempo era uno scavezzacollo, dedito ad alcol e droghe assortite, ma ora Robert Downey Jr. , tra i più popolari attori di Hollywood, fa mea culpa e ammette di preferire una vita sobria e tranquilla. “Girava molta marijuana. Mio padre mi passò il primo spinello quando avevo otto anni – ha rivelato in una recente intervista a Max – . Ci facevamo insieme, era il suo modo per volermi bene, per dimostrarmi amore nell’unica maniera che conosceva” . Dopo anni di dipendenze però, l’attore dice di essere cambiato : “Ho capito di avere sbagliato, ora son un altro”. La sua carriera sembra averne beneficiato : dopo i successi degli anni ‘90, velati di ombre, Downey Jr. ha trovato la popolarità definitiva con la serie di Sherlock Holmes: “Oggi sono orgoglioso di riuscire a mantenere i miei impegni, non solo nei confronti di amici e famiglia, ma anche con il pubblico. Dopo una vita passata a essere inaffidabile ho scoperto quanto sia bello portare a termine un progetto, un’idea, una promessa. La disciplina è una forma di rispetto nei confronti della vita” .

Guarda anche:

SINALUNGA_VEDUTADELCENTRO_LIB_ALESSIOGRAZI

Turismo: piccolo è bello, lo certifica la Bandiera Arancione del TCI

Il Touring Club Italiano ha assegnato durante la Borsa Internazionale del Turismo (BIT), le 281 Bandiere Arancioni del triennio 2024-2026, confermandone 277 sottoposte alla verifica triennale e...
Filming Italy Los Angeles Festival - immagine dal sito ufficiale

Nona edizione di Filming Italy – Los Angeles dal 26 al 29 febbraio

Lifetime Achievement Award a Franco Nero, premio Best Director a Matteo Garrone, che è candidato agli imminenti Oscar Al via la nona edizione di Filming Italy - Los Angeles, il festival che vuole...
Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...