Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Aprile 2007 | Attualità

Due giorni di lavoro al mese perduti nella rete

Una ricerca svolta tra i navigatori in rete della Gran Bretagna rivela abitudini sconosciute. Due internauti su tre spesso vanno in giro per il web a caso, senza una meta e senza scopo, saltando da un sito all’altro e sprecando così molto tempo. Il sondaggio rivela l’enorme portata di quella che si sta delineando come una vera e propria sindrome, che ha anche un nome: ”wilfing”. Un danno spaventoso per le imprese, perché ogni mese nel wilfing andrebbero persi due interi giorni di lavoro. I siti dove la gente si perde di più inutilmente sono quelli dello shopping, sottolinea l’istituto demoscofico YouGov che ha realizzato il sondaggio sulla base di un campione di 2.412 adulti. “Il nostro studio – spiegano a YouGov – dimostra come molta gente che si collega a Internet in cerca di informazioni e servizi di cui ha bisogno si perde poi per strada. Ci sono così tante scelte e distrazioni sulla Rete che parecchi finiscono per dimenticare perché si sono connessi e passano ore e ore a fare dello wilfing” Stando al sondaggio un internauta britannico su quattro spreca un terzo del suo tempo online a vagabondare senza alcun fine. ‘Wilfing’ è una parola nuova creata a partire dalla frase ”What was I looking for?” (che cosa stavo cercando?). La sindrome colpisce soprattutto gli uomini mentre le donne vanno molto meno alla deriva quando stanno online. Tra i maschi si ”perdono” su Internet soprattutto i giovani sotto i 25 anni. Oltre che influenzare negativamente la produttività in ufficio il ”wilfing” – avverte YouGov – può far male anche alla vita di coppia: un terzo degli uomini intervistati per il sondaggio ha indicato che i rapporti con mogli, fidanzate e amanti sono stati danneggiati dalla loro incontenibile tendenza a ”wilfare” tra i siti a luci rosse usando il computer di casa. Per i datori di lavoro è difficile correre ai ripari: è impossibile infatti individuare ad occhio nudo un ”wilfer”, che per lo piu’ se ne sta tutto assorbito davanti al monitor e si comporta come se fosse il migliore impiegato del mondo.

Guarda anche:

Sanremo 2023: al via la 73° edizione del Festival della Canzone Italiana

La 73° edizione del Festival di Sanremo si svolgerà dal 7 all’11 febbraio. Il quarto show targato Amadeus vedrà tra una settimana 28 cantanti in gara (22 big e 6 giovani) in cinque serate, e super...

La medicina può prevedere l’ansia con l’analisi della materia grigia

Secondo lo studio condotto dai ricercatori dell’università di Trento e  pubblicato sulla rivista Sensors la medicina può prevedere l’insorgere dei sintomi e dei disturbi dovuti all’ansia attraverso...

Italiani, navigatori, poeti, turisti e … ospitanti

L’Italia, con 72.869 ingressi, è la prima nazione nella classifica dei turisti esteri in Giordania nel 2022; la classifica redatta dal ministero del Turismo e delle antichità giordano vede al 2° e...