Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

18 Settembre 2022 | Ambiente

È italiana la prima App per localizzare e spazzare via i rifiuti dal mare

Si chiama Scubadvisor ed è la prima app al mondo interamente dedicata agli appassionati di immersioni dal risvolto green: grazie a un geolocalizzatore permette di localizzare i rifiuti in fondo al mare e di segnalarli. L’applicazione si rivolge a tutti i subacquei professionisti e in generale a tutti gli appassionati di immersioni. L’obiettivo è quello di coinvolgere direttamente chi ama fare immersioni e quindi ha a cuore l’ambiente marino. 

Scubadvisor nasce dall’idea di Marco Prandi e Alessandro D’Antonio e in collaborazione con Marevivo Onlus, associazione che si occupa della tutela del mare. L’app, disponibile gratuitamente per IOS e Android, consente a chi fa immersioni di monitorare i fondali e inviare foto dei siti danneggiati, fornendo all’associazione le coordinate GPS. Marevivo potrà così creare una mappatura di tutte le segnalazioni per monitorare i rifiuti e i luoghi dove è possibile recuperarli.

In Italia la contaminazione delle acque è dovuta principalmente alla cattiva depurazione e allo scarico illecito di rifiuti sulle spiagge. Solo il 15% dei rifiuti però si riversa sulle spiagge, la restante quantità galleggia in superficie o finisce sui fondali.

La tecnologia può venire in aiuto perché “nonostante le centinaia di migliaia di appassionati, quello della subacquea è un mondo ancora poco evoluto dal punto di vista tecnologico – spiegano gli ideatori della app – c’era bisogno di una piattaforma digitale che consentisse agli appassionati di avere a disposizione un sistema attraverso cui condividere le proprie esperienze”. 

La app non si limita però alla funzione di denuncia dei rifiuti, ma permette di localizzare fondali da esplorare o di prenotare un’immersione nei centri diving. È anche possibile segnalare la propria posizione durante le immersioni o postare foto delle esplorazioni subacquee per condividerle, contribuendo a mappare e far conoscere i più bei fondali del mondo.

 

di Serena Campione

sub_mare

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...

Premiata a Davos la startup italiana che porta Internet in fondo al mare

Lo spin-off della Sapienza di Roma per le comunicazioni subacquee spicca al World Economic Forum per aver aperto la strada all’Internet of Underwater Things. Una soluzione in più per la lotta al...
Creazione in MuSkin

MuSkin, come un fungo parassita diventa un abito sostenibile

Un progetto di tesi degli allievi di Modartech Pontedera riporta all’attenzione un brevetto eco di qualche tempo fa, oggi ancora più utile in ottica di una maggiore sostenibilità. Se è vero che le...