Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

27 Settembre 2023 | Attualità, Innovazione

Ecco la piattaforma per studiare gli eventi estremi del clima

ClimaMeter è nata da un gruppo di ricerca internazionale al quale l’Italia partecipa con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, in collaborazione con il Centre National de la Recherche Scientifique francese, l’Università svedese di Uppsala e il Centro Internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam di Trieste.

In un mondo in cui, quando il meteo annuncia pioggia, bisogna ormai aspettarsi anche un tornado, arriva ClimaMeter. Si tratta di una piattaforma per studiare gli eventi estremi provocati dal cambiamento climatico e si fonda sul lavoro di un gruppo di ricerca internazionale: l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il Centre National de la Recherche Scientifique francese, l’Università svedese di Uppsala e il Centro Internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam di Trieste.

Cicloni, ondate di calore e precipitazioni fuori dalla norma sono proprio il fulcro delle indagini, nella speranza di “fornire una rapida analisi del ruolo del cambiamento climatico e della variabilità naturale in un evento estremo meteorologico”, spiega Tommaso Alberti, ricercatore dell’Ingv. In questo modo sarà possibile raccogliere informazioni chiare e precise sulle influenze delle emissioni generate dalle attività umane sugli eventi estremi.

La grafica della piattaforma ClimaMeter vuole fornire “una visione chiara e dettagliata sull’origine naturale o antropica dell’evento estremo”, sostiene Alberti, nell’ottica di comprendere meglio il legame tra il cambiamento climatico e gli eventi meteorologici estremi”. Fondamentale per le ipotesi che la piattaforma fornirà sarà la comparazione di dati ottenuti nell’era satellitare, cioè nel periodo iniziato nel 1979, con le osservazioni diffuse delle variabili climatiche da parte dei satelliti.

Gli elementi da mettere in relazione saranno quelli ottenuti in tempo reale in relazione a pressione alla superficie terrestre, velocità del vento, quantità di precipitazioni e temperatura. Analizzando situazioni analoghe, la piattaforma potrà poi costituire la base per le strategie di mitigazione e l’adattamento alla continua evoluzione del cambiamento climatico.

di Daniela Faggion
hurricane-benilde-wikiImages

Guarda anche:

vegetali - Nika_Akin

L’Erbario centrale italiano di Firenze diventa digitale

Oltre due milioni di campioni vegetali, cui si aggiungono i 2 milioni provenienti da altre collezioni. Diventeranno file entro l'agosto 2025, grazie a 7 milioni di finanziamento. Trasformare...

È in Italia la città in cui si mangia meglio al mondo

Ad affermarlo è una ricerca fatta dalla rivista Time Out che ha eletto Napoli, con la sua pizza Margherita, vincitrice fra 20 città del mondo. Al secondo posto Johannesburg e al terzo Lima. Per...
medici di base - congresso

In Italia mancano i medici di base

A lanciare l'allarme un congresso in Lombardia della Società Italiana dei Medici di Medicina Generale e delle Cure Primarie. Meglio non stare male in Italia, nemmeno in una regione ricca come la...