Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

4 Dicembre 2023 | Attualità, Economia

Ecco l’Accademia della cultura enogastronomica italiana

Presentata nell’ambito degli eventi della settima Settimana della Cucina Italiana nel mondo, è una piattaforma online per formare i “custodi” della cultura alimentare italiana. 

Per promuovere il vero Made in Italy nel mondo ci vuole un’Accademia. Ne sono convinti Coldiretti, Campagna Amica, Filiera Italia e Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, che, nell’ambito degli eventi della VII Settimana della Cucina Italiana nel mondo, hanno presentato la piattaforma virtuale chiamata “Accademia della cultura enogastronomica italiana”. Obiettivo del progetto è anche sostenere la candidatura della cucina italiana a Patrimonio Unesco e far conoscere, si legge in una nota, “il valore aggiunto dell’enogastronomia italiana in tutti i suoi aspetti, da quelli qualitativi e di sicurezza a quelli nutrizionali e di sostenibilità”.

La missione dell’Accademia, spiega Coldiretti, è “valorizzare l’infrastruttura culturale che rende possibile la simbiosi fra i prodotti iconici della cucina italiana, la competitività dell’agroalimentare italiano, il valore universale della dieta mediterranea. Promuovere dunque la ricostruzione delle radici agricole e territoriali della cucina italiana, declinandole anche rispetto alle tematiche centrali della nutrizione e del benessere, oltre che dell’innovazione e della transizione sostenibile dei sistemi alimentati.

L’Accademia punta a formare una nuova rete di competenze e professionisti (italiani e stranieri) accreditati come “Custodi della cultura gastronomica italiana”.I destinatari dell’Accademia sono diversi: dalle Università e le scuole di cucina e alberghiere, al mondo esteso dei professionisti del food e food service (buyer, ristoratori, distributori, chef e pizzaioli, giornalisti ed influencer del food), ma anche le reti estere di rappresentanza e promozione del settore agroalimentare nel mondo (Ambasciate Italiane, Camere Di Commercio Estere, Consolati). Si tratta di uno strumento pratico e operativo, basato su 8 moduli su piattaforma digitale asincrona in inglese e due laboratori esperienziali su olio e vino: un piano formativo di 15 ore accessibile da ogni device e con ampia possibilità di personalizzazione dell’esperienza.

Il racconto formativo è affidato alle voci esperte dii produttori e professionisti del cibo autentico italiano. Un percorso che parte dalla terra e dai contadini, fatto di biodiversità, di sostenibilità e d’innovazione, con un passo indietro nel tempo, per scoprire la storia del patrimonio gastronomico italiano. Una narrazione che tiene stretta la difesa e tutela del made in italy con l’eredità culturale della dieta mediterranea, per affrontare il tema di una nutrizione volta alla salute, al benessere e alla sostenibilità.

di Daniela Faggion

Nasce l'Accademia della cultura enogastronomica italiana - ph: mariya_m

Guarda anche:

Simona Molinari - press office

Callas Tribute Prize NY assegnato a Simona Molinari

La cantante napoletana riceverà il prestigioso riconoscimento internazionale il 7 marzo, in vista della festa della Donna. La cantante Simona Molinari è stata insignita del Callas Tribute Prize NY....

L’UNESCO ha designato Bolzano Città Creativa della Musica

Con le 55 nuove realtà di tutto il mondo entrate a far parte del club delle Città Creative UNESCO, la Rete ne conta adesso 350 in oltre cento Paesi, che rappresentano sette settori creativi:...
la vera origine dei numeri decimali - ph. cheskapoondesignstudi

I numeri decimali hanno 150 anni in più del previsto e sono italiani

Erano usati già nel 1400 da un mercante veneziano. Si pensavano introdotti da un matematico tedesco a fine '500 Utilizzati da un mercante veneziano già nel 1440, i numeri decimali avrebbero 150 anni...