Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

29 Marzo 2011 | Attualità

Elezioni, lo spauracchio per i talk Rai

Si avvicina una nuova tornata elettorale (le amministrative del 15 e 16 maggio) e tornano le restrizioni per i programmi d’informazione Rai. Pdl e Lega chiedono espressamente il rispetto letterale della par condicio anche per i programmi di approfondimento delle reti pubbliche, estendendo così le regole delle tribune elettorali a trasmissioni quali Porta a Porta, Qui Radio Londra, Annozero, Ballarò, Report. Gli esponenti della maggioranza hanno presentato tre emendamenti in vista delle elezioni, con l’intento di allargare i territori televisivi dominati dalla par condicio: “I tre emendamenti depositati sono l’applicazione della legge sulla par condicio nello spirito di dare l’accesso a tutte le forze politiche che concorrono alle prossime elezioni, forze politiche che abbiano una dimensione consistente e come previsto dalla legge” , ha detto Davide Caparini , capogruppo della Lega Nord in commissione di Vigilanza Rai. Di opinione opposta il segretario del Pd, Pierluigi Bersani : “ Stiamo parlando di un black out dei talk show, altro che par condicio. È inaccettabile e noi saremo totalmente in disaccordo”. L’applicazione degli emendamenti renderebbe di fatto impossibile il normale svolgimento dei programmi che toccano, anche solo tangenzialmente, argomenti di taglio politico. I palinsesti Rai ne uscirebbero stravolti o mutilati, intere trasmissioni dovrebbero rivedere completamente il loro modus operandi o, semplicemente, chiudere i battenti in anticipo rispetto all’estate. “ Di nuovo? Errare è umano, perseverare è diabolico… Dopo l’esperienza dello scorso anno, quando un regolamento ingestibile portò alla chiusura dei talk show, il Tar ha stabilito che i programmi di informazione non possono essere equiparati alle tribune elettorali ”, ha detto senza mezze misure Giovanni Floris , conduttore di Ballarò . Michele Santoro ricorda invece l’esperienza di dodici mesi fa con Rai per una notte e si dice pronto a protestare di nuovo contro il bavaglio all’informazione: “ Noi reagiremo in tutti i modi ma chi oggi fa finta di non vedere non può non essere ritenuto complice” . Contro la chiusura dei talk anche Bruno Vespa : “ Spero vivissimamente che venga evitato il blocco ai talk show deciso l’anno scorso nella convinzione che si possano trovare formule per obbligare tutti noi a condurre dibattiti realmente equilibrati” Tutti i principali esponenti dei giornalisti Rai sono a grandi linee d’accordo sulla brutalità della proposta di maggioranza, pur con sfumature e orientamenti differenti. C’è davvero qualcosa che non va, ai piani alti di viale Mazzini.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...
Scarpa Rossa su libro ad Albisola Superiore

Tante iniziative in Italia contro la violenza sulle donne

Molti gli appuntamenti in occasione del 25 novembre, dalle scarpette rosse sparse per le città al numero per chiedere aiuto sulle confezioni del latte.   Per dar conto delle molte iniziative in...
turisti-Italia

Uno studio condotto da Istituto Piepoli ci dice che l’Italia resta tra le mete preferite per le vacanze dei turisti stranieri in Europa

L’indagine è stata realizzata per Confturismo-Confcommercio su un campione rappresentativo di viaggiatori americani, brasiliani, tedeschi, francesi e britannici, che prima della pandemia...