Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

19 Marzo 2013 | Economia

Ericsson e ST dividono la joint venture

Ericsson e ST Microelectronics hanno annunciato di aver trovato un accordo sul futuro della joint-venture ST-Ericsson, alla quale stanno lavorando da diverso tempo per individuare la miglior soluzione strategica possibile. Dopo mesi di confronti le due realtà hanno deciso di  procedere alla scissione della joint venture , suddividendosi così una parte degli asset e andando incontro allo smantellamento della realtà partecipata. Sulla base di questo accordo, Ericsson incamererà le attività di progettazione, sviluppo e vendita dei prodotti Lte multimode , inclusi 2G, 3G e 4G. ST invece si porterà in casa gli tutti gli altri prodotti ST-Ericsson e le relative divisioni di business, così come una parte degli stabilimenti per l’assemblaggio ed il testing dei prodotti. Nonostante il piano di assunzioni, l’operazione che non sarà tuttavia indolore: con la chiusura delle altre attività non assorbite da St e da Ericsson si perderanno circa 1600 posti di lavoro . ST ha inoltre stimato costi tra 350 e 450 milioni di dollari, mentre Ericsson ha già messo a bilancio circa 515 milioni di dollari.

Guarda anche:

Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Italia ultima per merito in Europa - ph. Marzena7

Italia ultima in Europa per Merito

Secondo il Forum della Meritocrazia questa situazione incide sul calo dell'economia, che in quasi 30 anni ha perso 26 punti percentuali Non basta mettere la parola "merito" nel nome di un ministero...

Città e luoghi d’arte trainano il turismo in Italia anche nel 1° trimestre 2024

L'Osservatorio Turismo Confcommercio-Swg prevede per il primo trimestre 2024 oltre venti milioni di partenze tra gennaio e marzo. Preferiti i soggiorni brevi e le città d’arte. Dopo la ripresa...