Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

28 Maggio 2014 | Economia

Facebook chiede all’Ue la verifica per WhatsApp

Facebook ha chiesto alla Commissione europea di esaminare l’acquisto di WhatsApp. Lo riporta il Wall Street Journa l citando alcune fonti, secondo le quali il social network ha contatto la Commissione che, a sua volta, ha informato le autorità nazionali della richiesta. La mossa potrebbe tradursi in un’indagine ufficiale a livello europeo ma eviterebbe a Facebook potenziali inchieste in diversi paesi europei. L’acquisizione di WhatsApp per 19 miliardi di dollari è stata approvata negli Stati Uniti ma ha sollevato dubbi fra le compagnie telefoniche europee . Secondo le compagnie telefoniche Facebook si trova così in una posizione dominante nel mercato della messaggistica in Europa .  ”Facebook preferisce la commissione europea alle diverse autorità nazionali, ognuna delle quali richiederebbe informazioni ” affermano alcuni esperti. 

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.