Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

2 Ottobre 2008 | Attualità

Flop per Fantasia: domani ultima puntata

Il nuovo programma di Canale 5 condotto dalla stacanovista, Barbara D’Urso, si è rivelato un flop. Dopo gli insuccessi di Circus e di Un, due, tre…stalla! , la D’Urso si era risollevata con lo Show dei record e con la doppia presenza a Mattino Cinque e Pomeriggio Cinque , condotti insieme a Claudio Brachino. Ha forse esagerato riproponendosi insieme a Luca Laurenti con lo show in prima serata Fantasia . Il pubblico non ha gradito la sovraesposizione, facendo registrare al programma ascolti bassissimi e uno share medio del 17%. Così la nuova trasmissione, arrivata dal Giappone, chiuderà i battenti domani sera. La conduttrice napoletana tornerà in prima serata il prossimo anno con lo Show dei record e sogna l’alquanto improbabile conduzione di Striscia la notizia con Maria De Filippi. La rete, invece, sta progettando la conclusione anticipata di Pomeriggio Cinque . Alla chiusura di Fantasia potrebbe seguire la resa definitiva del talent show di Canale 5, Il ballo delle debuttanti , condotto da Rita Dalla Chiesa e ideato da Maria De Filippi. Il programma in cui si fronteggiano le ragazze pop e quelle chic ha avuto uno share medio inferiore a Fantasia .

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.