Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

3 Gennaio 2013 | Attualità

Francia, il cinema guadagna grazie allo Stato

La grossa polemica d’inizio anno in Francia si deve a Vincent Maraval, uno dei più importanti produttori mondiali, fondatore della società Wild Brunch, e autore di un articolo al vetriolo pubblicato dal quotidiano Le Monde che in pochi giorni ha spaccato in due la comunità cinematografica d’Oltralpe. Altro che Depardieu e il suo esilio fiscale in Belgio – scrive Maraval – lo scandalo in Francia è altrove: un cinema che “riposa su un’economia sempre più sovvenzionata, in cui anche i più grossi successi di pubblico perdono soldi” perché costano troppo cari e sono fatti da “attori strapagati con i soldi pubblici ”.  “Incassi dieci volte più bassi rispetto agli Usa e stipendi delle star cinque volte più alti: ecco l’economia del cinema francese” tuona Maraval, facendo anche nomi e cognomi: Dany Boom (la star di Benevenuti al Nord), ormai residente a Los Angeles, che per il suo ultimo Un Plan Parfait ”ha guadagnato 3,5 milioni di euro”. E ancora: Vincent Cassel, Jean Reno, Marion Cotillard, Gad Elmaleh, Audrey Taut ou… Perché, si chiede Maraval, gli attori francesi guadagnano ” per un film francese tra i 500mila e i due milioni di euro mentre se chiamati a lavorare in una produzione americana si accontentano di un cachet che va dai 50 ai 200mila eur o?”. La risposta, per il produttore, è semplice: “Il cinema francese è finanziato dai soldi pubblici e dalle televisioni, costrette per legge a investire nel cinema e che impongono la solita ventina di attori”. 

Guarda anche:

Genova, Piazza de Ferrari

L’Ocean Race in Italia per la prima volta

La competizione che solca gli Oceani da mezzo secolo sbarca a Genova nel giugno 2023.   Fra gli eventi in calendario per il nuovo anno c’è anche l’arrivo della Ocean Race, che sbarcherà a...
pizza napoletana

Pizza napoletana: approvato marchio di garanzia contro le etichette fake

Non nominare la pizza napoletana invano. Dal 18 dicembre entra in vigore il Regolamento UE che assegna alla ricetta della tradizionale pizza napoletana l’etichetta di Stg, “specialità tradizionale...

Questa volta Sting nella bottle mette il vino e vince il premio “Vignaiolo Verde”

In occasione della presentazione del volume ‘I migliori 100 vini e vignaioli d’Italia 2023’, la guida diretta dal sommelier ex campione del mondo Luca Gardini che seleziona i cento vignaioli tenendo...