Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

29 Gennaio 2013 | Attualità

Frequenze, non c’è posto per Rai e Mediaset

“Risoluzione di criticità esistenti” e ” sviluppo futuro del settore e di utilizzo efficiente delle risorse “: con una nota Agcom conferma le grandi manovre anticipate da la Repubblica. Il risultato immediato sarà la modifica delle operazioni di gara: che a questo punto si sdoppiano. Una prima gara con tre multiplex reimpacchettati e destinati alle tv, una seconda con frequenze destinate alle Tlc per la realizzazione di lte. Il presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni,  Angelo Marcello Cardani , sottolinea che “ l’Agcom sta assolvendo ai compiti che la legge le ha assegnato ponendo particolare attenzione alla risoluzione di criticità esistenti, in un’ottica di sviluppo futuro del settore e di utilizzo efficiente delle risorse”. Cosa cambia rispetto alla prima bozza dell’Autorità per le comunicazioni? I lotti messi all’asta non sono più di cinque multiplex ma solo di tre piattaforme di canali: verranno vendute solo le frequenze che coprono oltre il 90% del territorio e che danno luogo ad una concessione ventennale e non quinquennale. La decisione tira fuori tutti i network preesistenti sulla piattaforma televisiva digitale, come Rai, Mediaset e Telecom Italia e permetterà solo ai nuovi entranti, Sky e Discovery Channel in primis, di partecipare all’asta.

Guarda anche:

Pompei

La tecnologia entra nella storia di Pompei

Nuove iniziative sperimentali per il recupero di reperti del Parco archeologico di Pompei sono realizzate grazie al digitale e alla robotica e con il contributo di realtà italiane e internazionali....
Eustorgio

A Milano nasce il più grande archivio di documenti storici d’Europa

Il Comune di Milano ha approvato la realizzazione del nuovo impianto di archiviazione all’interno della Cittadella degli archivi di Milano. La ricerca dei documenti è affidata a Eustorgio, un robot...

Alimentari, fiore all’occhiello del Paese, i maggiori rincari nel 2022

Il 2022 si apre con un vero e proprio boom di rincari. Non solo l’ennesimo allarme contagi con la galoppante diffusione della variante Omicron in tutta Europa, ma a complicare la vita degli italiani...