Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Giugno 2014 | Economia

Generali prepara l’addio a Telco

Lo scioglimento di Telco, holding che negli ultimi sette anni ha governato Telecom Italia detenendone il 22,4% del capitale , è sempre più vicino. Il primo passo formale è avvenuto nel consiglio di amministrazione di Generali, con la delibera dell’opzione di scissione affidata al ceo Mario Greco, che dovrà definire la procedura. Il primo periodo utile per lo smembramento di Telco e il riassetto di Telecom Italia è tra il 15 e il 30 giugno , ma per dare il via al processo si attendono le delibere degli altri sitituti di credito coinvolti: Mediobanca e Intesa Sanapolo. Una avallato il paino, gli azionisti entreranno direttamente in possesso delle azioni Telecom, con Telefonica che potrebbe rastrellare titoli fino a diventare riferimento per la guida della compagnia. Telco ha accumulato un debito complessivo di 2,47 miliardi di euro tra finanziamento ponte e prestito soci . Se la scissione sarà pro quota, Telefonica avrà una quota diretta in Telecom pari al 14,7% a fronte di un debito di 1,6 miliardi. Intesa e Mediobanca l’1,6% a testa con una parte di debito di 179 milioni, mentre a Generali andrà il 4,3% con un debito per 475 milioni.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...