Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

29 Marzo 2013 | Economia

Google guarda all’open source e libera brevetti

Google va controcorrente e decide di non perseguire le compagnie che realizzeranno programmi informatici open source usufruendo dei suoi software . In pratica, la società di Mountain View ha aperto all’utilizzo di alcuni suoi brevetti senza che gli sviluppatori debbano pagare alcun diritto d’autore. “Google crede che un sistema aperto vinca – si legge nel blog di BigG -.  Il software open source è stato alla radice di molte innovazioni nel cloud computing, nel web su dispositivi mobili e in generale per Internet. Mentre le piattaforme aperte hanno affrontato diversi attacchi dal punto di vista dei brevetti, noi rimaniamo impegnati per un web aperto, che protegga le reali innovazioni”. Niente tribunali, dunque, se le compagnie che prendono in prestito i software di Google mettono poi a disposizione il codice sorgente dei propri programmi. Per il momento, i brevetti liberati sono una decina e riguardano per di più tecnologie per le mappature online. Certo, ne restano circa 17mila sotto copyright, ma il primo passo è stato fatto.

Guarda anche:

Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...
Italia ultima per merito in Europa - ph. Marzena7

Italia ultima in Europa per Merito

Secondo il Forum della Meritocrazia questa situazione incide sul calo dell'economia, che in quasi 30 anni ha perso 26 punti percentuali Non basta mettere la parola "merito" nel nome di un ministero...

Città e luoghi d’arte trainano il turismo in Italia anche nel 1° trimestre 2024

L'Osservatorio Turismo Confcommercio-Swg prevede per il primo trimestre 2024 oltre venti milioni di partenze tra gennaio e marzo. Preferiti i soggiorni brevi e le città d’arte. Dopo la ripresa...