Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

18 Gennaio 2013 | Economia

Google, il posto migliore dove lavorare

Ogni anno la redazione di Fortune stila una classifica in cui vengono premiate le 100 migliori aziende al mondo in cui lavorare. Si tratta di un elenco delle società che riservano il trattamento migliore ai dipendenti . In testa c’è Google , per la quarta volta consecutiva. Si è parlato più volte di uffici e strutture riservate a programmatori e impiegati, ampliate di recente con la realizzazione di un centro fitness da quasi 30mila metri quadrati . A questo si aggiungono tutele per i partner, lunghi periodi di ferie retribuite. Al secondo posto Sas, specializzata in analisi dell’ambito business e sviluppo software. Medaglia di bronzo per Chg Healthcare Services, attiva nel settore sanitario. Seguono nella Top 10 Boston Consulting Group, Wegmans Food Market, NetApp, Hilcorp Energy, Edward Jones, Ultimate Software e infine Camdem Property Trust. Scorrendo la lista per trovare qualche altro gigante del settore tecnologico si scopre che realtà come Facebook o Yahoo! non sono presenti tra le prime 100 posizioni, mentre Microsoft si piazza in basso, al gradino numero 75.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...