18 Maggio 2009 | Attualità

Google Street View viaggia in triciclo

Dopo le polemiche , le accuse di infrangere la privacy e le conseguenti proteste (anche fantasiose), Google Street View torna a occupare le pagine dei giornali per l’ultima trovata del suo staff: per poter raggiungere le strade più impraticabili e affascinanti, si abbandona l’ormai tradizionale macchina sormontata da telecamera a 360 gradi e ci si affida a una particolare bicicletta. Meglio, a un triciclo su cui è installata la fotocamera che poi darà i dettagli visivi sulla mappa virtuale di Street View. Presto sarà quindi possibile visualizzare i centri storici delle più importanti città europee, al solito chiusi al traffico, oppure gli sperduti castelli britannici, difficilmente raggiungibili in automobile. Il primo Google Tricycle sarà lanciato a Genova, tra le caratteristiche crêuze (le mulattiere di mare all’ombra della lanterna, cantate da De Andrè), mentre la compagnia di Mountain View è alla ricerca di cicloamatori in grado di contribuire al servizio, girando per l’Italia e non solo. Difficile dire se il nuovo sviluppo di Street View garantirà ulteriore successo al colosso americano del web. Quel che è certo è che Google sa sempre come far parlare di sé

Guarda anche:

I Puffi giganteggiano al boxoffice

Due fine settimana da padroni. Questa la storia cinematografica di Puffi 3D, che per la seconda volta consecutiva sono stati il film più visto nel week-end. Grazie ai 2,51 milioni di euro incassati tra venerdì e domenica, la banda dei piccoli blu è arrivata a 6,15 milioni complessivi.

L’ultimo menù di McDonald’s si chiama McTv

E’ nata McTv, la televisione di McDonald’s. La catena di fast food, dopo aver testato il progetto a Los Angeles, San Diego e Las Vegas negli ultimi mesi, ha ufficializzato il lancio del proprio canale, che sarà attivo in 800 locali della California per poi diffondersi nel resto degli Usa.

L’eroina della Tv Wonder Woman rimane senza film

Ha abbandonato il set cinematografico il regista del film Wonder Woman, ispirato al fumetto e alla serie televisiva interpretata negli anni ’70 dalla ex miss mondo Lynda Carter.