Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Gennaio 2013 | Economia

Google va, nonostante la pubblicità

Google affronta Wall Street con risultati oltre le attese, che mostrano una maggiore stabilità della società a fronte del rallentamento del calo dei costi per clik e dei prezzi pagati dalla pubblicità. E vola in Borsa , dove arriva a guadagnare fino al 4,7% a 735,95 dollari per azione. Google chiude il quarto trimestre con un utile netto in aumento del 6,7% a 2,89 miliardi di dollari, o 8,62 dollari per azione. Esclusi i costi per i compensi e quelli di ristrutturazione, l’utile per azione è salito a 10,65 dollari da 8,22 dollari, oltre le attese degli analisti che scommettevano su 10,42 dollari per azione. I ricavi relativi alle attività internet core sono aumentati del 21% a 9,83 miliardi di dollari. Nel quarto trimestre la divisione Motorola Mobility ha contribuito con 1,51 miliardi di dollari ai ricavi, mentre ha registrato una perdita operativa di 353 milioni di dollari. Il tasso dei click a pagamento, ovvero il numero delle volte in cui gli utilizzatori cliccano sulla pubblicità è sceso del 24% .  “A bbiamo chiuso il 2012 con un trimestre solido . I ricavi sono saliti del 36% su base annua e dell’8% su base congiunturale. E abbiamo raggiunto per la prima volta lo scorso anno quota 50 miliardi di dollari di ricavi ”, afferma l’amministratore delegato Larry Page , riferendosi ai ricavi per 50,175 miliardi di dollari del 2012, con un aumento del 32% rispetto all’anno precedente.

Guarda anche:

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...